Dall’orologio allo smartwatch: l’evoluzione di un oggetto sempre di tendenza

smartwatch
di Khosro via canva.com

L’orologio, da semplice strumento per misurare il tempo, si è evoluto in un oggetto dal design ricercato e, ai giorni nostri, in un vero e proprio compagno di vita, quasi tuttofare. Attualmente, infatti, siamo sempre più abituati a vedere sul polso delle persone dei veri e propri orologi intelligenti, proiettati al futuro. Essi già ci consentono di monitorare i nostri parametri vitali, di rispondere ai messaggi o effettuare un pagamento, e, in un futuro non molto lontano, ci permetteranno addirittura di aprire o chiudere l’automobile, di giocare sulle app di iGaming, riscattando e usando i bonus dei casino sui quali si decide di registrarsi, oppure di programmare l’attivazione di un elettrodomestico anche lontani da casa. Ma quella dell’orologio è stata un’evoluzione che ha attraversato secoli di storia, modellando la società e le sue abitudini. C’è chi punta sul design, chi sui materiali, chi sulla praticità e chi, infine, sulla tecnologia. Del resto, di modelli di orologi ne esistono a bizzeffe, con alcuni marchi di punta in base a ciò che si ricerca in un esemplare. 

I primi orologi portatili: una questione di stile e status symbol

Le prime vere e proprie forme di orologio portatile risalgono al XVI secolo, con gli orologi da taschino. Introdotti in Francia, questi piccoli capolavori di orologeria erano spesso realizzati in metalli e pietre preziose, diventando un simbolo di status e ricchezza. Oro, diamanti, platino, rifiniture di ogni genere e materiale. L’importante è che fossero belli, preziosi e, soprattutto, precisi nel misurare il tempo che scorreva durante le giornate. Il vero problema riguardava l’accessibilità alle fasce della popolazione meno abbienti, che di certo non potevano permetterseli.

L’avvento dell’orologio da polso: praticità al primo posto

All’inizio del Ventesimo secolo, invece, inizia a diffondersi un nuovo tipo di orologio: quello da polso, soprattutto tra i militari. La sua praticità e immediatezza lo rendono un accessorio indispensabile per la vita quotidiana, non solo di chi militava nell’esercito, bensì anche per altre categorie di lavoratori e gente comune. Tra i modelli più iconici di questo periodo si possono citare il preziosissimo Cartier Tank, disegnato nel 1917 da Louis Cartier, e l’altrettanto costoso e ambito Rolex Oyster, il primo orologio impermeabile, lanciato nel 1926 dall’omonima casa svizzera. 

La rivoluzione digitale: l’orologio diventa smart e accessibile a tutti

Dagli anni ’70 in poi, l’avvento della tecnologia digitale rivoluziona il mondo degli orologi. Nascono i primi orologi digitali, che sostituivano al classico quadrante con le lancette uno schermo più o meno grande con l’orario indicato a numeri, come il Casio Calculator Watch del 1972, con funzioni avanzate come la calcolatrice e il cronometro. Il vero vantaggio dell’avvento di tali orologi, nonostante l’influsso delle nuove tecnologie, era il prezzo, molto più basso e accessibile rispetto ad un orologio di lusso.

L’orologio del futuro: dallo smartwatch un’estensione di noi stessi

L’evoluzione dell’orologio non accenna a fermarsi. Per quanto il dubbio tra lancette e digitale resti sovrano negli acquirenti, oggi siamo arrivati, come si diceva in apertura, ad indossare orologi più che intelligenti, come l’Apple Watch o i vari modelli di Samsung e altri competitor della casa americana. Ma le nuove frontiere della tecnologia, come l’intelligenza artificiale e la realtà aumentata, aprono a scenari inediti per il futuro di questo oggetto. Ci si può aspettare che gli orologi smart diventeranno sempre più integrati con la nostra vita quotidiana, diventando un’estensione di noi stessi e offrendo nuove possibilità di interazione con il mondo che ci circonda. Qualcuno già si immagina modelli in grado di proiettare ologrammi utili a seguire, ad esempio, le indicazioni stradali tridimensionali date dalle app di navigazione. In definitiva, l’orologio ha percorso un’evoluzione che lo ha trasformato da semplice strumento per misurare il tempo a vero e proprio dispositivo tecnologico. Un’evoluzione che continuerà a sorprenderci e a plasmare il nostro modo di vivere.

Total
0
Shares
Articoli correlati
P