6 Marzo 2024

Psittacosi, alert Oms su aumento casi umani in Ue: cosa dicono gli esperti

3 minuti di lettura
Psittacosi, alert Oms su aumento casi umani in Ue: cosa dicono gli esperti

(Adnkronos) – La psittacosi, malattia respiratoria causata da un batterio che infetta soprattutto gli uccelli (pappagalli, canarini, passeri, colombi) nell’uomo può essere mortale. Attenzione dunque ai sintomi. La psittacosi infatti innesca una polmonite seria, ma ci sono gli antibiotici per intervenire. Gli esperti spiegano cos’è e come si trasmette la malattia, all’indomani della segnalazione dell’Oms su un trend in crescita dell’infezione umana da Chlamydophila psittaci (C. psittaci) nell’Unione europea tra il 2023 e l’inizio del 2024, particolarmente marcato a novembre e dicembre scorsi. 

Nell’uomo “può provocare anche forme gravi che portano alla morte. Bene dunque l’alert lanciato dall’Organizzazione mondiale della sanità” su un aumento dei casi umani in Ue, “perché la comunicazione tempestiva di questi rischi può aiutarci a strutturare interventi il più possibile anticipatori di un’eventuale nuova emergenza infettiva”, dice all’Adnkronos Salute Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università Statale di Milano. “Bisogna accogliere questi alert con senso di responsabilità e attenzione, senza eccedere negli allarmismi – precisa l’esperto – ma nemmeno sottovalutandoli”.  

“Viviamo in un ecosistema fatto di continue interazioni tra virus, batteri, animali e uomo”, spiega Pregliasco. Da qui la necessità di un approccio ‘One Health’ che richiede “la responsabilità e l’attenzione di tutti – ribadisce – e soprattutto delle istituzioni, chiamate a controlli sempre più intensi e numerosi nell’ambito di una rete internazionale complessa ed estesa che va finanziata, in modo che possa garantire una sensibilità adeguata” a captare in tempo future emergenze, e alimentata da “segnalazioni costanti da raccogliere e condividere velocemente. E’ la lezione che Covid ci ha insegnato: comunicazione, attenzione, responsabilità e ‘preoccupazione’ – chiosa il virologo – nel senso letterale di ‘occuparci prima’ di possibili pericoli futuri”.  

“La psittacosi è una malattia respiratoria causata da un batterio che infetta soprattutto gli uccelli, in Italia è registrata in modo sporadico soprattutto nei volatili selvatici – dice all’Adnkronos Salute Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit) – Ma questo alert dell’Oms deve fare porre maggiore attenzione a chi possiede piccoli volatili in cattività dentro casa, quindi osservarli se stanno male e soprattutto non toccarli. Come non vanno toccati se nei parchi o per strada vediamo uccelli che stanno male. E’ una malattia comunque rara alle nostre latitudini ma si trasmette per via respiratoria, il contatto però delle mani con il volatile è un rischio da non correre”. “Può essere una malattia mortale in alcuni casi perché innesca una polmonite seria, ma ci sono gli antibiotici per intervenire”, conclude Andreoni.  

Matteo Bassetti, direttore Malattie infettive ospedale policlinico San Martino di Genova, all’Adnkronos Salute spiega che la psittacosi in Ue “non deve preoccupare assolutamente anche perché ci sono stati 5 decessi in diversi Paesi. E’ un’infezione causata dalla Chlamydophila psittaci che porta la polmonite: chi è a stretto contatto con gli uccelli, soprattutto i pappagalli, penso agli allevatori, ai veterinari o chi li ha per compagnia deve fare più attenzione e non toccare le secrezioni. Poi se vede dei sintomi può fare delle indagini specifiche. Però abbiamo degli antibiotici specifici per la Chlamydophila e chi ha contatti diretti con questi animali e ha sintomi deve riportarlo ai medici”. 

“Se uno va in piazza del Duomo e sta vicino ai piccioni dandogli da mangiare non succede nulla e il rischio è molto basso. Servono contatti continui con le secrezioni e le deiezioni. C’è un alert dell’Oms e serve una sensibilizzazione, ma nessun allarme”, conclude Bassetti.  

Il batterio infetta principalmente gli uccelli e sta colpendo particolarmente in Ue dove i casi nell’uomo di psittacosi sono in aumento e hanno portato anche a 5 decessi. Tanto che ieri l’Oms ha lanciato un alert per segnalare i rischi e fare il punto della situazione. La segnalazione all’agenzia Onu per la salute è arrivata a febbraio da Austria, Danimarca, Germania, Svezia e Paesi Bassi che hanno informato, attraverso il sistema di allarme rapido e risposta (Ewrs) dell’Unione europea, di aver rilevato un trend in crescita di questi casi nel 2023 e all’inizio del 2024, “particolarmente marcato a novembre-dicembre 2023”.  

Nella maggior parte di questi casi, informa l’Oms, è stata segnalata l’esposizione a uccelli selvatici o domestici. Le infezioni umane di psittacosi si verificano principalmente attraverso il contatto con le secrezioni di uccelli infetti e sono per lo più associate a chi lavora con uccelli da compagnia o pollame, e a veterinari, proprietari di uccelli da compagnia e giardinieri nelle aree in cui la C. psittaci è epizootica nella popolazione di uccelli autoctoni. “I Paesi interessati – spiega l’Oms – hanno implementato indagini epidemiologiche per identificare potenziali esposizioni e cluster di casi”. Fra le misure messe in campo l’analisi di campioni di uccelli selvatici sottoposti a test sull’influenza aviaria per verificare la prevalenza di C. psittaci tra gli uccelli selvatici. L’Organizzazione mondiale della sanità, si informa in una nota, “continua a monitorare la situazione e, sulla base delle informazioni disponibili”, al momento “valuta basso il rischio rappresentato da questo evento” infettivo. 

Da non perdere!

P