28 Marzo 2024

Ilaria Salis a processo a Budapest, entra in aula in catene – Video

3 minuti di lettura
Ilaria Salis a processo a Budapest, entra in aula in catene - Video

(Adnkronos) –
Ilaria Salis a processo oggi a Budapest. La maestra 39enne di Monza, detenuta nel carcere ungherese, accusata di presunte violenze commesse nel corso di una manifestazione neonazista nella capitale ungherese l’11 febbraio 2023, è entrata in aula in catene. Molti i video che mostrano le immagini della donna con ceppi ai piedi e catene ai polsi. Il giudice risponderà alla richiesta per i domiciliari presentata dai legali.  

 Diversi gli esponenti politici italiani che si sono recati a Budapest per seguire l’udienza. Ci sono Nicola Fratoianni e Ilaria Cucchi dell’Alleanza Verdi Sinistra. La vicepresidente della commissione giustizia del Senato e il leader di SI, insieme ad altri parlamentari italiani del Pd e del M5S, presenti nella capitale ungherese, confermeranno in questo modo alla connazionale e ai suoi familiari tutto il sostegno necessario in questa vicenda. Si legge in una nota. Anche le democratiche Laura Boldrini e Sandra Zampa sono nella capitale ungherese in rappresentanza dei gruppi parlamentari del Pd di Camera e Senato.  

“Anche questa volta Ilaria Salis è entrata in aula con le manette ai polsi, catene alle caviglie e al guinzaglio, come a gennaio. Vergognoso”, dichiara da Budapest la deputata del Movimento 5 Stelle Stefania Ascari. A Budapest anche il capogruppo di Italia viva in Commissione Giustizia e responsabile Esteri del partito Ivan Scalfarotto: “I legali lamentano condizioni di detenzione drammatiche, insostenibili anche dal punto di vista igienico-sanitario”. “Privare una persona delle condizioni minime di dignità e di salute è inaccettabile in un Paese dell’Ue: un’unione che non si fonda sulla percezione dei fondi come evidentemente pensa Viktor Orban ma è fondata sul rispetto dei principi democratici e sui diritti inviolabili della persona. Bisognerebbe tagliare i fondi europei a Budapest fino al ripristino delle condizioni minime per definire quel paese una democrazia liberale”, conclude il responsabile Esteri di Italia Viva. 

“Non è accettabile che una cittadina italiana sia trattata così in Ungheria. Giorgia Meloni deve essere realmente patriota e spiegare a Viktor Orban che o l’Ungheria rispetta la regole dello stato di diritto o nessun euro delle tasse degli italiani deve finire a Budapest come invece accade oggi. Il fatto che la Meloni abbia idee diverse da Ilaria Salis non rileva: il Governo italiano deve lavorare per i cittadini italiani. Grazie Ivan Scalfarotto per essere oggi in quell’aula di tribunale a dire da che parte stiamo noi, come già avevamo fatto alla Leopolda. Presidente Meloni, si faccia sentire. Ci governano i Fratelli d’Italia o i sudditi d’Ungheria?”. Così Matteo Renzi su X. 

 

 

“Sono caduta in un pozzo profondissimo, mi chiedo se ci sia uscita. Ma non ho dubbi su quale sia la parte giusta della storia”. Sono le parole di Ilaria Salis in una lettera pubblicata su Repubblica. L’antifascista italiana – tornando con la memoria al marzo del 2023 – racconta nel suo diario di prigionia il secondo mese nel carcere di massima sicurezza di Budapest. “È strano trascorrere lunghi mesi senza scambiare una sola parola neanche con le persone più care (nemmeno una lettera scritta a mano!), quando fino al giorno prima bastava muovere il pollice sullo schermo del telefonino per comunicare continuamente e contemporaneamente con tante persone diverse – scrive Ilaria Salis – È inusuale non ricevere nessun tipo di informazione dall’esterno, quando in ogni attimo della nostra vita siamo bombardati da notizie e messaggi provenienti da ogni parte del mondo… questa è una bolla davvero strana”.  

“I mesi sono lunghi e accade che la bolla si trasformi in un buco nero che ti risucchia. Prendendo in prestito una metafora che leggerò parecchi mesi dopo in un bellissimo fumetto dedicato alle mie vicende – sottolinea Salis citando Zerocalcare -, sono caduta in un pozzo profondissimo. Le pareti sono scivolose ed ogni volta che faticosamente cerco di compiere un breve passo per risalire appena un pochino, finisco sempre col precipitare più in profondità. A volte mi chiedo se questo pozzo abbia un fondo e se da qualche parte ci sia davvero un’uscita. Immagino di essere un piccolo geco, che nell’oscurità silente riesce a scalare le pareti. Già, devo scalare le pareti, ma qui purtroppo non ci sono i miei compagni di arrampicata e i legami di fiducia ben stretti sulla corda della ‘sicura'”. 

“Chiudo gli occhi e lancio lo sguardo oltre le mura di questo cieco carcere: scorgo le vicende di uomini e donne come ricambi in tessuti su arazzi che raffigurano storie più ampie – racconta ancora Salis nel suo diario – Storie di popoli, di culture, di lingue e di religioni. Storia di sistemi economici, politici e giuridici. Storie di ricchezza e di miseria, di potere, di sopraffazione e di sfruttamento. Storie di guerre e di eserciti. Storie di un mondo in cui ancora si uccidono bambini, in cui alle quarte d’Europa risuonano mitraglie che riecheggiano gli scempi del secolo scorso. Apro gli occhi e mi scorgono rannicchiata sulla grigia coperta, con lo sguardo fisso sulla porta di ferro della cella. Tutto mi appare semplice e lineare in queste vicende, come in molte altre, non può esserci alcun dubbio su quale sia la parte giusta della storia”. 

Da non perdere!

P