15 Marzo 2024

Covid e studio shock su origine in laboratorio: cosa dicono gli esperti

2 minuti di lettura
Covid e studio shock su origine in laboratorio: cosa dicono gli esperti

(Adnkronos) – Il virus di Covid potrebbe essere nato in laboratorio? “Lo dico dal 2020 e prima o poi la verità verrà fuori”. Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano, non ha dubbi sull’ipotesi avanzata in uno studio condotto da ricercatori dell’University of New South Wales, in Australia, pubblicato su ‘Risk Analysis’.  

Secondo gli autori, “Covid-19 potrebbe aver avuto origine in un laboratorio”. Per Sars-CoV-2 è “più probabile un’origine innaturale – scrivono – rispetto a un’origine naturale”. Per Gismondo hanno ragione.  

“Nel 2020 – ricorda – poco dopo lo scoppio della pandemia, tra tante reticenze del governo cinese e l’Organizzazione mondiale della sanità che copriva il loro silenzio, già sorgevano dubbi sul fatto che questo virus potesse essere un virus naturale, per tantissime caratteristiche” che presenta il patogeno “e soprattutto perché non si è mai trovato l’ospite intermedio né il serbatoio naturale”. Non solo. La microbiologa fa riferimento anche a “un lavoro condotto da un gruppo di ricercatori indiani, apparso nel 2020 e ritirato dopo neanche una settimana, che spiegava come la sequenza del virus Sars-CoV-2 fosse del tutto innaturale, sembrando più un puzzle di pezzi di geni di altri virus, con addirittura anche un pezzetto di gene del virus Hiv e di un gene umano. Dopo il misterioso ritiro, di quello studio non si è più parlato e i ricercatori indiani sono spariti nel nulla”.  

“Personalmente – sottolinea Gismondo – io ho continuato più volte a sostenere la teoria del virus ‘scappato’ dal laboratorio, anche perché il laboratorio di Wuhan”, la megalopoli cinese primo epicentro della pandemia di Covid, “struttura che ho anche visitato, è un laboratorio di quarto livello” di biosicurezza, “affidato a tecnici che vi lavorano senza avere una grandissima esperienza”. Un contesto dove “l’incidente biologico è dietro l’angolo. Alla fine, nel tempo – ripete l’esperta – la verità viene a galla. Anzi sta già emergendo a più riprese, perché anche altri gruppi di ricerca hanno portato prove alla tesi del virus di laboratorio. Il virus Sars-CoV-2 – è certa Gismondo – sicuramente non è un virus naturale”. 

“Tanti studi sono stati fatti sull’origine del Sars-CoV-2: al momento darei una percentuale del 50% all’ipotesi dell’evento di laboratorio accidentale e 50% all’ipotesi dello ‘spillover’, il salto di specie naturale. Già in passato è accaduto un contagio dopo incidente con la malattia da virus di Marburg negli anni ’60. Entrambe le due ipotesi hanno però un denominatore comune: la prevenzione. Nella prima riguardo alla sicurezza dei laboratori che va comunque rafforzata, nella seconda è chiaro che serve avere medici sentinella e una rete di sorveglianza pronta ad attivarsi. Tutte strategie di prevenzione che dopo 4 anni di pandemia conosciamo e dobbiamo saper mettere in campo”. Così l’epidemiologo Massimo Ciccozzi commenta all’Adnkronos Salute i risultati dello studio shock. 

Una conclusione, quella del nuovo studio, che non convince invece l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco, docente di Igiene all’università del Salento. “Lo studio in questione non porta alcuna prova, ma utilizza un metodo in base al quale ‘non si può escludere’ l’origine artificiale del virus”, spiega all’Adnkronos Salute. “Se mettiamo insieme tutti gli studi condotti finora sul tema, l’origine naturale del virus resta ancora la più avvalorata”, conclude.  

Da non perdere!

P