Superlega, Reichart: “Protetti da sanzioni Uefa”

Superlega, Reichart: "Protetti da sanzioni Uefa" 3

(Adnkronos) – I 12 club coinvolti nel progetto della Superlega europea hanno ottenuto il ripristino della loro protezione contro eventuali sanzioni Uefa, almeno fino a quando la Corte di giustizia europea non si pronuncerà sul caso entro la fine dell’anno. Un’ingiunzione è stata depositata in un tribunale di Madrid nel momento in cui la controversa lega è stata fondata nell’aprile 2021 per conto dei club, impedendo alla Uefa o alla Fifa di intraprendere qualsiasi azione contro di loro o contro i loro giocatori per il coinvolgimento. Nell’aprile dello scorso anno quell’ingiunzione è stata annullata, ma ora è stata ripristinata a seguito di ulteriori procedimenti nella capitale spagnola questo mese. 

La Corte di giustizia si pronuncerà entro la fine dell’anno sul fatto se la Uefa e la Fifa abbiano abusato di una posizione dominante ai sensi del diritto europeo della concorrenza, bloccando prima la creazione della Superlega e poi cercando di sanzionare i club coinvolti. Le regole della Uefa e della Fifa che consentono loro di impedire a tali competizioni di operare sotto i loro auspici sono state ritenute compatibili con il diritto dell’Ue dall’avvocato generale nel caso del mese scorso, ma la sua opinione non è vincolante. 

Ma almeno fino a quando i procedimenti legali presso la Corte di giustizia non saranno completati, i club della Superlega – che includono i “Big Six” della Premier League – non possono essere sanzionati dalla Uefa. La decisione del tribunale di Madrid è stata accolta con favore da A22, una società costituita per sponsorizzare e assistere alla creazione di una Superlega europea. Il suo amministratore delegato Bernd Reichart ha dichiarato: “Accogliamo con favore il fatto che questa decisione del tribunale consenta ad A22 di continuare liberamente il progetto di creare una nuova ed entusiasmante competizione calcistica europea”.  

“Conferma che la posizione di monopolio della Uefa non può essere utilizzata per fare pressione o minacciare club, giocatori o aziende che vogliono innovare e rinvigorire la concorrenza nel calcio professionistico. Continueremo quindi il nostro dialogo con le parti interessate del calcio in un ambiente nuovo e più appropriato, libero da minacce e altri passi ostruzionistici intrapresi dalla Uefa e da altri organismi”, ha aggiunto Reichart. 

Il tribunale di Madrid ha affermato che l’insistenza della Uefa sul fatto che la sua condotta nei confronti dei club della Superlega fosse motivata dal desiderio di proteggere il modello sportivo europeo della competizione aperta è stata “una scusa inconsistente”. Ha affermato che i passi compiuti da Uefa e Fifa sono “ostacoli tipici di modelli chiusi e anacronistici che non sono in linea con la libera concorrenza”. Non è stata ancora confermata la data in cui la Grande Camera della Corte di giustizia emetterà la sua sentenza definitiva sul caso, che non può essere impugnato. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati
P