F1 Gp Monza 2022, rabbia Ferrari per safety car: “La Fia ha dormito” -

F1 Gp Monza 2022, rabbia Ferrari per safety car: “La Fia ha dormito”

(Adnkronos) – “C’è stata una vera dormita della Fia”. E’ la dura critica del team principal della Ferrari, Mattia Binotto, su quanto avvenuto nel finale del Gp d’Italia a Monza con la safety car entrata nella posizione sbagliata e rimasta in pista 8 giri. Risultato: gara congelata fino alla bandiera a scacchi, con la vittoria di Max Verstappen su Red Bull davanti alla rossa di Charles Leclerc. “Non sappiamo come sarebbe finita, ma è un peccato quello che è successo a fine gara con la safety car. Bisognava cercare di far ripartire la gara al più presto, ma hanno aspettato troppo, e non c’era motivo”, dice Binotto. 

“E’ un peccato perché anche dopo lo scorso anno ad Abu Dhabi si è parlato molto di come velocizzare tutte le operazioni per far ripartire la gara al più presto e oggi le condizioni c’erano. Quindi, anche se hanno rilasciato la Safety in quella posizione non capiamo perché a quel punto abbiano aspettato così tanto per fare in modo che le vetture tra la Safety car e la macchina in testa, la Red Bull di Verstappen, si potessero riaccodare”, prosegue. 

“Non c’è motivo di aspettare, l’unico motivo che posso immaginare è per la sicurezza. Però, da regolamento c’è un tempo minimo che le vetture devono rispettare per correre in condizioni sicure. Oggi è una dormita della Fia dal nostro punto di vista, forse poca esperienza da parte loro che hanno cambiato molto e ad oggi non sono ancora all’altezza di questo tipo di situazione”, aggiunge Binotto a Sky. 

“Federazione non all’altezza della F1? Sicuramente hanno cambiato molto, ma ad oggi sembra che in certe decisioni siano troppo prudenti, troppo lenti. La Formula 1 ha bisogno di altro, di una marcia in più, perché dobbiamo offrire spettacolo per fare in modo che le gare si corrano non dietro la Safety Car, ma in pista”. 

 

Post navigation

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

P