Energia, Vignola (Unc): "Stufette pesano su bollette, meglio indossare un maglioncino caldo" 2

Energia, Vignola (Unc): “Stufette pesano su bollette, meglio indossare un maglioncino caldo”

(Adnkronos) – “Forse gli italiani decideranno di acquistare le stufette per riscaldarsi visto che la temperatura dei termosifoni sarà abbassata, ma visto quanto consumano suggerisco di indossare maglioncini caldi a casa”. Lo dice all’Adnkronos/Labitalia Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione nazionale consumatori. 

“Usare la stufetta elettrica – avverte – è rischioso perché sono gli elettrodomestici che consumano elettricità in assoluto; quindi il rischio è che io risparmio sul gas ma poi ho una bolletta importante di elettricità. E’ vero che una stufetta elettrica la pago 20 euro, ma convertire l’elettricità in calore è poco efficiente e appunto dispendioso”.  

“La situazione – sottolinea – dal punto di vista dei costi di riscaldamento è drammatica. Ci aspetta un inverno duro e il consiglio che noi diamo è quello di risparmiare in casa, abbassando la temperatura e utilizzare meno il riscaldamento, chi può farlo procedere a fare interventi di qualificazione, magari sostituendo una vecchia caldaia”. “La soluzione – suggerisce – è ridurre i consumi, quindi eliminare tutte le cause di spreco in casa: quando non siamo in casa l’unico elettrodomestico che dovrebbe funzionare è il frigorifero, il router del wifi e l’impianto di allarme. Utile, poi, monitorare i consumi, comunicando ad esempio le autoletture”. 

“Per la comodità di poter accendere il televisore con il telecomando – avverte – ci siamo abituati a lasciarlo sempre in stand-by. Il consumo d’elettricità è basso, ma eliminando tutte le luci delle spie (tv, computer, videoregistratori) si risparmia il 10-11%, pari a circa 80 euro all’anno a famiglia. Si calcola che il 55% del consumo energetico della Tv abbia luogo nella modalità stand-by. Inoltre, si usura maggiormente il televisore e si corre il rischio che, lasciandolo in tensione, possa implodere”. 

“Le finestre, soprattutto se vecchie e poco efficienti, sono un vero e proprio ‘buco’ – ricorda Vignola – da un punto di vista energetico: durante la notte è quindi fondamentale tenere completamente chiuse le tapparelle e chiudere le tende. Quando sono accesi è importante che davanti ai termosifoni non ci siano ostacoli che impediscano al calore di trasmettersi correttamente. Ricordarsi, inoltre, di controllarli regolarmente e sfiatare l’aria che si crea all’interno riducendo l’efficacia del riscaldamento”. 

 

 

Post navigation

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

P