Artmarket.com presenta il rapporto del primo semestre 2022 di Artprice: il mercato dell’arte torna a crescere fortemente in Occidente

(Adnkronos) – PARIGI, 12 settembre 2022 /PRNewswire/ — Il fatturato globale delle vendite all’asta di opere d’arte è aumentato dell’8,8% nel primo semestre del 2022, nonostante un’altra ondata di Covid-19 in Cina. Artprice ha contato un numero record di transazioni d’asta in tutto il mondo e osserva un crescente entusiasmo per le opere di artisti della seconda metà del XX secolo e dell’inizio del XXI secolo, i cui prezzi sono altamente volatili. 

Quattro indicatori dello stato di salute dell’attività globale delle aste d’arte nel 1° semestre 2022 

Photo  –  https://mma.prnewswire.com/media/1891851/Artmarket_Fine_Art_Infographic.jpg
 

thierry Ehrmann, presidente e fondatore di Artmarket.com, ha affermato: «Uno studio completo sui risultati delle aste pubbliche rivela una concorrenza sempre maggiore tra New York, Londra e Hong Kong. Questa concorrenza sta rapidamente facendo lievitare i prezzi delle opere dei giovani artisti a livelli solitamente riservati ai grandi maestri. In occasione delle fiere Frieze London e Paris+ (quest’ultima gestita da Art Basel), Artprice pubblicherà un rapporto esclusivo dedicato all’arte “ultra-contemporanea”: un termine che designa una dinamica che si sta sviluppando intorno ad artisti sotto i 40 anni, come Matthew Wong, Avery Singer e Refik Anadol».  

L’analisi del mercato dell’arte presentata nel rapporto del primo semestre 2022 si basa sui risultati delle aste pubbliche di opere d’arte registrati da Artprice e riguarda solo dipinti, sculture, disegni, fotografie, stampe, video, installazioni, arazzi e NFT, mentre esclude oggetti antichi, beni culturali anonimi e suppellettili. Tutti i prezzi indicati nel rapporto si riferiscono ai risultati delle aste pubbliche, comprese le commissioni di acquisto, e il simbolo “$” si riferisce al dollaro USA. 

DATI CHIAVE 1° SEMESTRE 2022  

●  I proventi globali delle aste d’arte hanno raggiunto i 7,49 miliardi di dollari. 

●  Il 5° primo semestre più redditizio mai registrato nel mercato dell’arte. 

●  Un aumento dell’8,8% rispetto al primo semestre 2021. 

●  Una cifra record di 326.000 lotti venduti nel primo semestre 2022 rispetto ai 313.400 del primo semestre 2021. 

●  Christie’s ha battuto il secondo miglior risultato d’asta di tutti i tempi nel settore dell’arte con 195 milioni di dollari. 

●  Il tasso di invenduti è salito al 31% rispetto al 27% del primo semestre 2021. 

●  Con un fatturato di 3,27 miliardi di dollari, New York è stata chiaramente il principale marketplace del mondo. 

●  Al secondo e al terzo posto, Londra ha battuto 1,43 miliardi di dollari e Hong Kong ha incassato 610 milioni di dollari. 

●  Subito dietro, il mercato dell’arte parigino ha generato 518 milioni di dollari e ha attirato un numero sempre maggiore di istituzioni internazionali. 

●  Christie’s e Sotheby’s rappresentano il 38% del fatturato globale del settore dell’arte. 

●  La Macklowe Collection è diventata la collezione più costosa mai venduta al mondo, con un incasso di 922 milioni di dollari. 

●  Sono stati venduti all’asta 180 NFT per un valore complessivo di 8,5 milioni di dollari. 

ORGANIZZAZIONE E STRUTTURA DEL MERCATO DELL’ARTE 

Con l’attenuarsi della crisi sanitaria a livello mondiale, le aste di opere d’arte si sono assestate su un tasso di invenduto del 31%, quasi un’opera su tre messe in vendita. Questo livello corrisponde alla media stabile degli ultimi vent’anni, oscillando tra il 36% del 2009 e il 27% del 2021. In effetti, questo indicatore chiave del mercato ha reagito in modo molto diverso rispetto a come ha reagito nell’ultima grande crisi che ha colpito il mercato globale dell’arte, la crisi finanziaria del 2009. All’epoca i collezionisti decisero di assumersi meno rischi finanziari, mentre la crisi sanitaria del 2021 ha spinto gli acquirenti a passare a un nuovo canale di vendita interamente dematerializzato. 

Nel primo semestre del 2022, il mercato ha trovato un nuovo equilibrio grazie alla coesistenza di due canali di vendita diversi e complementari (uno fisico, l’altro digitale), che hanno permesso alle transazioni d’asta di proseguire a un ritmo sostenuto, raggiungendo la cifra storica di 326.000 lotti d’arte in sei mesi. Nel primo semestre del 2022 questo volume è aumentato ulteriormente fino a raggiungere un’intensità senza precedenti, nonostante il rinvio di molte aste in Cina (il cui volume d’affari è diminuito del 53%) a causa di una nuova ondata di Covid-19. 

Gli Stati Uniti (+42% rispetto al primo semestre 2021) e il Regno Unito (+26%) hanno trainato la crescita. I due potenti mercati anglosassoni hanno rappresentato da soli esattamente i due terzi del fatturato globale delle aste d’arte. La Cina, da parte sua, ha rappresentato solo il 12% del fatturato globale delle aste d’arte, un risultato che in gran parte deve a Hong Kong, che ha rappresentato il 70% del valore dell’intero mercato dell’arte cinese (che comprende Hong Kong, Macao e Taiwan). 

La Francia ha continuato la sua crescita (+14%), consolidando il suo 4° posto davanti alla Germania (-5%) dopo una performance sensazionale nel 2021. Oltre alla presenza di Christie’s e Sotheby’s, diversi operatori d’asta parigini hanno registrato performance eccezionalmente forti: Artcurial (+42%) e Aguttes (+154%), tra gli altri. Nel frattempo, la capitale francese sta attirando un numero sempre maggiore di importanti operatori internazionali come David Zwirner, mentre le gallerie Gagosian e Continua hanno aperto nuove sedi in Francia. Parigi vede con piacere l’imminente arrivo di Hauser & Wirth e l’apertura di una sala d’aste Phillips. Bonhams ha acquisito la casa francese Cornette de Saint-Cyr (attiva a Parigi e Bruxelles). Infine, la società Art Basel sarà d’ora in poi l’organizzatore ufficiale della fiera d’arte internazionale autunnale organizzata al Grand Palais di Parigi, denominata “Paris+”, che sostituirà la FIAC. 

Anche il Giappone e la Svizzera hanno avuto un ottimo inizio 2022, con aumenti del 74% e del 145% nei rispettivi fatturati d’asta totali. Senza competere direttamente con Hong Kong (che pesa comunque sette volte di più), Tokyo si sta affermando nel continente asiatico come polo di attrazione per i maggiori artisti contemporanei, tra cui Andy Warhol, Yoshitomo Nara, Yayoi Kusama, ma anche per giovani talenti come Mr Doodle e Ayako Rokkaku (nata nel 1982), le cui vendite all’asta hanno già superato i 18,6 milioni di dollari quest’anno. Da parte sua, la Svizzera continua a ritagliarsi uno spazio nel mercato dell’arte post-impressionista e moderna, con la vendita di importanti opere di Ferdinand Hodler, Alberto Giacometti e Marc Chagall. 

Ferdinand Hodler, Der Brienzersee von Breitlauenen aus (1906); venduto per 2.875.000 franchi svizzeri (circa 3 milioni di dollari) lo scorso 17 giugno dalla Galerie Kornfeld di Berna 

Photo – https://mma.prnewswire.com/media/1891852/Artmarket_Ferdinand_Hodler.jpg
 

https://www.artprice.com/artist/13632/ferdinand-hodler/painting/27034374/der-brienzersee-von-breitlauenen- aus
 

TENDENZE: NFT E ARTE ULTRA-CONTEMPORANEA 

Portati al centro della scena nel marzo 2021 con un primo risultato d’asta pubblica di 69,4 milioni di dollari, gli NFT (token non fungibili) hanno creato una sorta di rivoluzione nel mercato dell’arte, con un nuovo tipo di opera, nuovi collezionisti e una nuova valuta.  

Dei 277 NFT messi all’asta nel primo semestre del 2022, il 65% è stato venduto a un prezzo medio di 47.000 dollari. Questa situazione è molto diversa da quella del secondo semestre 2021, in cui sono stati messi in vendita 225 NFT, l’86% dei quali è stato venduto a un prezzo medio di 520.000 dollari. Human One (2021) di Beeple è stato aggiudicato per quasi 29 milioni di dollari lo scorso novembre da Christie’s, mentre il miglior risultato per gli NFT nel primo semestre del 2022 è stato di soli 1,38 milioni di dollari per Living Architecture: Casa Batlló (2022) di Refik Anadol. 

Alla fine, i 104 CryptoPunk annunciati da Sotheby’s lo scorso febbraio sono stati ritirati alla vigilia della vendita prevista. Il ritiro di questo lotto, stimato tra i 20 e i 30 milioni di dollari, sottolinea quanto gli operatori del mercato NFT siano ancora un po’ scettici nei confronti del servizio fornito dagli intermediari tradizionali. Non solo sono costosi (i costi di transazione ammontano in media al 20% rispetto al circa 2% o 3% delle piattaforme NFT), ma sono anche regolati da un calendario molto meno flessibile. Le principali case d’asta continuano comunque a impegnarsi per partecipare a questo mercato emergente, anche se solo molto raramente riescono a vendere grandi collezioni NFT (BAYC, WoW, ecc.). Per il momento, tali progetti non sembrano avere più bisogno di attività di marketing o della legittimità delle case d’asta regolamentate. 

Allo stesso tempo, la volatilità delle criptovalute ha esacerbato la diffidenza dei collezionisti tradizionali nei confronti di questo innovativo mercato. Fortunatamente, questa pausa offrirà a un buon numero di artisti, commercianti, collezionisti e istituzioni – a cominciare dai musei – l’opportunità di interessarsi alle opere digitali e di considerare l’acquisizione di NFT senza la pressione delle vendite record e dell’eccessiva mediatizzazione.   

https://www.artprice.com/nft
 

Il fenomeno NFT nasce dallo stesso entusiasmo che Artprice sta osservando per il lavoro dei giovani artisti, alcuni dei quali stanno ottenendo risultati record multimilionari prima ancora che le loro opere vengano esposte in un grande museo o prima ancora che abbiano beneficiato di una mostra personale in una galleria. I recenti record d’asta per le opere di artisti under 40 (le cui recentissime opere sono già scambiate sul mercato secondario) saranno analizzati nel prossimo rapporto Artprice sull’arte ultra-contemporanea che sarà pubblicato ad ottobre. Sarà soprattutto un’occasione per sottolineare il successo e l’influenza sempre maggiori delle giovani pittrici. 

Top 10 dei record d’asta personali degli artisti viventi under 40 nel 1° semestre 2022©artprice.com 

1. Avery Singer (1987): 5.253.000 $ 

2. Christina Quarles (1985): 4.527.000 $ 

3. Jennifer Packer (1984): 2.349.000 $  

4. María Berrio (1982): 1.562.500 $ 

5. Robbie Barrat (1999): 841.317 $ 

6. Robert Nava (1985): 639.401 $  

7. Issy Wood (1993): 588.042 $ 

8. Lauren Quin (1992): 588.042 $ 

9. Louis Fratino (1993): 365.400 $ 

10. Jordy Kerwick (1982): 277.200 $ 

CINQUE RISULTATI ECCEZIONALI NEL 1° SEMESTRE 2022  

Shot Sage Blue Marilyndi Andy Warhol ha ottenuto la seconda offerta più alta di sempre in un’asta di opere d’arte. Per la prima volta dal Salvator Mundi di Leonardo Da Vinci nel novembre 2017 (quattro anni e mezzo fa), il mercato di fascia altissima è tornato con un risultato che mette nuovamente in discussione la nozione di capolavoro assoluto e il relativo valore. La vendita di beneficenza che ha prodotto questo risultato è stata garantita da Christie’s e si è conclusa con un risultato da 195 milioni di dollari (tasse incluse). Il “dipinto” è stato acquistato dallo stesso Larry Gagosian, il potente gallerista che aveva già venduto la tela a Thomas Ammann nei primi anni Ottanta. 

https://www.artprice.com/artist/30269/andy-warhol/painting/26798865/shot-sage-blue-marilyn?p=1
 

La casa d’aste francese Artcurial ha avuto l’onore di presentare un’eccezionale natura morta di Jean-Baptiste Chardin, Le panier de fraises des bois, dipinta nel 1761 ed esposta lo stesso anno al Grand Salon di Parigi. Sebbene si tratti della prima apparizione di questo dipinto all’asta, l’esperto d’arte Eric Turquin insiste sull’immensa importanza storica dell’opera, importanza testimoniata dalle etichette sul retro del dipinto, che è stato incluso in molte mostre prestigiose in tutto il mondo. Dipinto delicato e magico, questo capolavoro di Jean-Baptiste Chardin è stato stimato tra i 13 e i 16 milioni di dollari e alla fine è stato venduto per 26,8 milioni di dollari. 

https://www.artprice.com/artist/45915/jean-baptiste-simeon-chardin/painting/26388579/le-panier-de-fraises-des-bois?p=1
 

Il risultato più sensazionale dell’anno è stato senza dubbio quello generato dalla telaThe Sugar Shack (1976) di Ernie Barnes(1938 – 2009). L’anno scorso, il pittore afroamericano ha stabilito un nuovo record d’asta con 550.000 dollari. Ma il 12 maggio di quest’anno, Christie’s ha proposto il suo dipinto The Sugar Shack (1976) a New York con una stima di 150.000 – 200.000 dollari. Alla fine l’opera è stata venduta per 15.275.000 dollari, più di 100 volte la stima minima. Nei giorni e nelle settimane successive, altri sei importanti dipinti di Ernie Barnes sono stati offerti da Christie’s e Bonhams, e tutti sono stati venduti ben oltre le loro stime.  

L’anno scorso, l’artista giapponese Yayoi Kusama è diventata la prima artista donna ad entrare nella top 10 mondialedegliartisti più performanti, secondo i calcoli di Artprice (tutti i periodi di creazione riuniti insieme). È stata anche il terzo artista vivente più performante dell’anno, dopo Gerhard Richter e Banksy. Quest’anno, Yayoi Kusama ha ripetuto questi risultati con 208 lotti venduti in tutto il mondo per oltre 115 milioni di dollari. L’artista ha inoltre stabilito un nuovo record d’asta quando il suo Untitled (Nets) (1959) ha raggiunto i 10,5 milioni di dollari da Phillips lo scorso 18 maggio. 

https://www.artprice.com/artmarketinsight/yayoi-kusama -at-last-a-female-artist-in-the-global-top-10
 

Oggi Matthew Wong avrebbe 38 anni se non si fosse tolto la vita nel 2019. Dopo la sua morte, i suoi dipinti hanno riscosso un successo straordinario nelle sale d’asta. Lo scorso 19 maggio, il suo Night Watcher (2018) è stato acquistato per 5,9 milioni di dollari da Christie’s New York. Nel primo semestre del 2022, Matthew Wong si è classificato al 52° posto nella classifica globale degli artisti per fatturato d’asta (tutti i periodi di creazione riuniti insieme), un successo che ricorda vagamente quello di Basquiat, anche se il posto di Wong nella storia dell’arte non è ancora stato riconosciuto. 

Il rapporto di Artprice.com sul mercato globale dell’arte nel 1° semestre 2022 è consultabile online:https://www.artprice.com/artprice-reports/global-art-market-in-h1-2022-by-artprice-com
 

Le informazioni e gli studi econometrici prodotti da Artmarket.com sono presentati unicamente allo scopo di analizzare e comprendere le realtà statistiche del mercato dell’arte e non devono in alcun modo essere considerati come un consiglio, un suggerimento o un invito a investire nel mercato dell’arte.  

Immagini: [https://imgpublic.artprice.com/img/wp/sites/11/2022/08/image1-H1-Evolution-Fine-Art-Auction-Sales.jpg][https://imgpublic.artprice.com/img/wp/sites/11/2022/08/image2-Ferdinand-Hodler.jpeg] 

Copyright 1987-2022 thierry Ehrmann www.artprice.com – www.artmarket.com
 

Contatta il nostro Dipartimento di Econometria per domande sui nostri dati statistici e studi personalizzati: econometrics@artprice.comProva i nostri servizi (demo gratuita): https://www.artprice.com/demoAbbonati ai nostri servizi: https://www.artprice.com/subscription
 

Artmarket.com è quotata su Eurolist di Euronext Parigi, SRD long only e Euroclear: 7478 – Bloomberg: PRC – Reuters: ARTF. 

Scopri Artmarket e il suo dipartimento Artprice in video: www.artprice.com/video
 

Artmarket, con il suo dipartimento Artprice, è stata fondata nel 1997 dal CEO thierry Ehrmann. Artmarket, con il suo dipartimento Artprice, è controllata dal Groupe Serveur, creato nel 1987. 

Biografia certificata Who’s Who ©:Biographie_thierry_Ehrmann_2022_WhosWhoInFrance.pdf
 

Artmarket è un operatore globale del Mercato dell’Arte che comprende, tra le altre strutture, il dipartimento Artprice, leader mondiale nella raccolta, gestione e utilizzo delle informazioni sul mercato dell’arte storico e attuale in banche dati che contengono più di 30 milioni di indici e risultati di aggiudicazione, per oltre 787.000 artisti. 

Artprice by Artmarket, leader mondiale dell’informazione sul mercato dell’arte, ha come ambizione quella di diventare, mediante il suo Global Standardized Marketplace, la più grande piattaforma di NFT d’arte. 

Artprice Images® consente l’accesso illimitato alla più grande banca immagini al mondo dedicata al Mercato dell’Arte: ben 180 milioni di fotografie digitali o riproduzioni incise di opere d’arte dal 1700 fino a oggi, corredate dai commenti dei nostri storici dell’arte. 

Artmarket, con il suo dipartimento Artprice, raccoglie dati su base permanente da 6300 Case d’Asta e produce informazioni chiave sul Mercato dell’Arte per le principali agenzie di stampa e comunicazione (7.200 pubblicazioni). I 5,4 milioni di utenti (registrati + social media) hanno accesso agli annunci pubblicati dagli altri utenti registrati. Oggi questa rete rappresenta il Global Standardized Marketplace®, leader nella compravendita di opere d’arte a un prezzo fisso o di offerta (aste regolate dai paragrafi 2 e 3 dell’Articolo L 321.3 del Codice di Commercio Francese). 

Artmarket, con il suo dipartimento Artprice, ha ricevuto il marchio di Stato “Società Innovativa” dalla Banca Pubblica di Investimento (BPI) (per la seconda volta nel novembre del 2018 per altri 3 anni), che sostiene la società nel progetto di consolidamento della sua posizione come operatore globale del mercato dell’arte. 

Rapporto 2020 sul Mercato Globale dell’Arte di Artprice by Artmarket, pubblicato nel marzo del 2022:https://www.artprice.com/artprice-reports/the-art-market-in-2021
 

Rapporto 2020-2021 di Artprice sul mercato dell’arte contemporanea by Artmarket.com:https://www.artprice.com/artprice-reports/the-contemporary-art-market-report-2021
 

Indice dei comunicati stampa pubblicati da Artmarket con il suo dipartimento Artprice:serveur.serveur.com/Press_Release/pressreleaseEN.htm
 

Segui tutte le notizie sul Mercato dell’Arte in tempo reale con Artmarket e il suo dipartimento Artprice su Facebook e Twitter: 

www.facebook.com/artpricedotcom/ (oltre 5,9 milioni di follower) 

twitter.com/artmarketdotcom
 

twitter.com/artpricedotcom
 

Scopri l’alchimia e l’universo di Artmarket e del suo dipartimento Artprice https://www.artprice.com/video con sede presso il celebre Museo di Arte Contemporanea l’Organe “La Demeure du Chaos” (New York Times dixit): https://issuu.com/demeureduchaos/docs/demeureduchaos-abodeofchaos-opus-ix-1999-2013
 

Contatta Artmarket.com e il suo dipartimento Artprice – Contatti: Thierry Ehrmann, ir@artmarket.com
 

Logo – https://mma.prnewswire.com/media/1009603/Art_Market_logo.jpg
 

 

Post navigation

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

P