Alluvione Marche, Bocchini (Confindustria Ancona): “Tragedia di dimensioni non misurabili, imprese in ginocchio” -

Alluvione Marche, Bocchini (Confindustria Ancona): “Tragedia di dimensioni non misurabili, imprese in ginocchio”

(Adnkronos) – “E’ una tragedia di dimensioni non misurabili. E per le prossime ore abbiamo ancora allerta rossa e le nuove nere che si avvicinano. Sono morte 10 persone e 4 sono disperse, tantissima gente e fuori da casa e senza corrente. E’ una tragedia che ci deve fare riflettere tutti, perchè non si può più parlare di eventi straordinari. Ormai sono diventati all’ordine del giorno e dobbiamo essere pronti ad affrontarli. I letti dei fiumi si devono pulire, gli argini si devono alzare, e serve un osservatorio capace di anticipare per tempo l’arrivo di questi fenomeni in modo da prepararsi”. Così, raggiunto telefonicamente da Adnkronos/Labitalia, Pierluigi
Bocchini, presidente di Confindustria Ancona, sull’alluvione che ha colpito le Marche.  

“Gli epicentri -sottolinea l’industriale- sono nella zona del Senigalliese e del Fabrianese. Io da stamattina avrò sentito 20-30 aziende che hanno i capannoni pieni di fango, hanno perso prodotti e cosa più grave hanno i macchinari nel fango. E se ci sono danni ai macchinari i tempi di ripartenza sono molto lunghi, non è come quando ti mancano i materiali. I danni economici sono rilevanti, ancora non calcolabili, ma la cosa grave è che il morale, dopo quest’altra mazzata, è allo stremo”, rimarca.  

I marchigiani non ci stanno ad essere lasciati soli. “Prima la pandemia, poi la guerra, poi il caro materiali e e il caro energia. Ora questa tragedia…Le aziende non ce la fanno più, siamo resilienti sì, ma quando è troppo e troppo. Ci sono aziende che in pochi minuti hanno avuto danni ingentissimi, che hanno visto sfumare investimenti fatti con i risparmi di una vita. Non possiamo essere sempre lasciati soli ad affrontare tutto. Le istituzioni devono metterci nelle condizioni di potere continuare a fare il nostro lavoro”, ribadisce Bocchini.  

Per Bocchini “le Marche non possono restare isolate dal resto d’Italia. Con questa alluvione la situazione è peggiorata ma da sempre il nostro problema è il collegamento con il resto d’Italia. Servono infrastrutture viarie, il collegamento ferroviario e quello aereo. Non possiamo essere lasciati soli, altrimenti il nostro tessuto economico fatto piccole, medie e grandi imprese non ce la più ad andare avanti”, conclude.  

 

 

 

 

 

Post navigation

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

P