Accornero (Carrefour Italia): “Lavoro da remoto fino a 4 giorni a settimana, smart working è futuro” -

Accornero (Carrefour Italia): “Lavoro da remoto fino a 4 giorni a settimana, smart working è futuro”

(Adnkronos) – “Con la fine dello stato di emergenza, ad agosto 2022 è stato firmato un accordo sindacale per rendere disponibile il lavoro da remoto fino a 4 giorni a settimana. Crediamo che lo smart working costituisca uno degli ingredienti fondamentali del lavoro del futuro, che sarà improntato alla massima flessibilità e basato sulla piena responsabilizzazione dei collaboratori, con l’obiettivo di aumentare il benessere e favorire il Work-life balance. Ne è piena dimostrazione anche la nuova sede di Carrefour Italia a Milano, nella quale ci trasferiremo entro il primo semestre del prossimo anno. Sarà situata nel complesso immobiliare di nuova costruzione Park west in zona Bisceglie e sarà fortemente orientata allo smart working, con soluzioni di lavoro ibrido avanzate e spazi che favoriscono collaborazione e l’innovazione”. Così, con Adnkronos/Labitalia, Paola Accornero, general secretary di Carrefour Italia, sulle nuove modalità di organizzazione del lavoro. 

E per Carrefour non finisce qui. “Sarà inoltre il perno di un sistema multi-hub: ci saranno infatti altri spazi ufficio presso alcuni punti vendita Carrefour, dislocati strategicamente in diverse zone dell’area metropolitana di Milano. Un’ulteriore opzione a disposizione dei collaboratori, che favorirà maggiore sintonia tra i team di sede e quelli dei negozi”, continua. Secondo Accornero “per chi lavora nelle funzioni centrali, lavorare in un ambiente con un respiro internazionale, dinamico e in forte trasformazione come il nostro è sicuramente fonte di stimoli continui. Nel settore del retail oggi il cambiamento è pressoché costante: questo genera una grande varietà di progetti e c’è davvero grande spazio per l’iniziativa personale. Ma questo vale anche e soprattutto per chi lavora nei punti vendita, dove sperimentiamo sempre nuovi concetti, diamo vita a tante attività con l’obiettivo di garantire sempre più un servizio eccellente ai nostri clienti e portiamo avanti anche un percorso di digitalizzazione in-store, che cambia le competenze dei nostri collaboratori nei negozi”, continua ancora.  

“Crediamo sia importante -sottolinea in conclusione Accornero- dare autonomia alle persone, dare loro la libertà di portare avanti le proprie iniziative. Cerchiamo di abbattere i divari culturali e portare avanti uno stile manageriale basato sulla fiducia e sull’ascolto di tutti. Un esempio tra tanti è l’imminente introduzione di Workplace, la piattaforma social di Meta dedicata ai dipendenti, un luogo di libera espressione e di relazioni dirette tra tutti i livelli dell’azienda, che lanceremo a novembre”. “Per promuovere la cultura dell’ascolto come chiave per la crescita personale e professionale, abbiamo introdotto la cultura del feedback come elemento essenziale del nostro stile manageriale e programmi di mentoring, come quello per i Millennials: un percorso destinato ai giovani manager dell’azienda e ai senior manager – in qualità di mentori – per favorire lo scambio di competenze e conoscenze, da un lato per trasmettere l’esperienza e dall’altro per aprirsi a nuovi punti di vista dei talenti più giovani”, continua Accornero.  

Seconda la manager “In un quadro che sta mettendo in crisi il mercato del lavoro e i tradizionali modelli organizzativi, la necessità è quella di implementare un modello di lavoro ‘sostenibile’, affinché le persone possano sviluppare la loro professionalità e rimanere attive e ingaggiate durante la loro vita lavorativa, eliminando i fattori che ostacolano, o scoraggiano, l’ingresso, la permanenza e la crescita nel contesto professionale. I fattori chiave per garantire un approccio sostenibile -spiega- sono quindi quelli del benessere, dell’engagement e dell’employability. Lavorare su questi temi permette all’azienda di migliorare la propria attrattività. Significa comunicare di più i vantaggi di lavorare in azienda, ma anche rendere più chiaro ed esplicito il purpose aziendale e valorizzare gli obiettivi di sostenibilità”.  

E Accornero ha sottolineato che in Carrefour “Promuoviamo attivamente la parità di genere nel nostro ambiente di lavoro e ne monitoriamo i progressi con parametri quantitativi. In totale le donne assunte in Carrefour rappresentano ben il 61% dei nostri 13mila dipendenti”.  

“Abbiamo introdotto -spiega la manager- obiettivi specifici a livello gruppo per la promozione della leadership femminile: avere il 35% di donne a livello executive entro il 2025. Oggi in Italia siamo già al 30%. In Italia abbiamo introdotto processi per garantire parità di accesso nelle assunzioni, assicurando che almeno il 50% dei candidati siano donne. Per quanto riguarda le posizioni chiave, nel 2021 il 64% delle assunzioni e il 50% delle nomine sono donne. Stiamo poi aumentando la partecipazione delle donne ai programmi di formazione manageriale: le donne oggi rappresentano il 50% dei partecipanti ai programmi di talent management e il 70% nei programmi di mentoring”, sottolinea.  

La strada è tracciata. “Siamo anche convinti che sia necessario favorire lo sviluppo delle carriere femminili nei ruoli manageriali più tecnologici e digitali, inserendo sempre più profili Stem. Bisogna uscire dallo stereotipo e rovesciare un approccio mentale che vede le posizioni più digitali e tecnologiche ancora in mano agli uomini. Nel 2021, il 58% delle assunzioni per l’headquarter sono state donne, di cui il 20% donne Stem. Tutta la digitalizzazione e l’innovazione di Carrefour Italia attualmente è in mano a donne, giovani e meno giovani, tutte molto brillanti: dai Sistemi informativi alla trasformazione digitale, dall’e-commerce alla gestione dei dati”, conclude.  

Post navigation

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

P