Covid, studio: nessun beneficio da colchicina e aspirina 2

Covid, studio: nessun beneficio da colchicina e aspirina

(Adnkronos) – “Nessun beneficio dal trattamento” anti-Covid “con aspirina o colchicina”. E’ quanto ha dimostrato uno studio canadese su 4mila pazienti positivi al Covid curati in ambulatorio o a casa. Il lavoro, una ricerca randomizzata condotta in 12 paesi, è stato presentato al congresso dell’European Society of Cardiology (Esc) a Barcellona. “I risultati non forniscono alcuna prova che la colchicina o l’aspirina siano utili nei pazienti trattati in ambulatorio. La vaccinazione rimane il trattamento più efficace per ridurre l’ospedalizzazione e il decesso”, ha spiegato John Eikelboom, McMaster University di Hamilton (Canada), autore principale dello studio. La ricerca anti-Coronavirus Therapies (Act) Outpatient Trial ha testato la colchicina, usata contro l’infiammazione, e l’aspirina usata per prevenire la progressione della malattia nei pazienti positivi curati a domicilio o in ambulatorio.  

Ebbene, secondo lo studio “la colchicina non ha ridotto significativamente i decessi” e l’aspirina “non ha ridotto gli eventi trombotici, l’ospedalizzazione o il decesso”. “Diversi fattori possono aver contribuito alla caduta dei tassi di eventi Covid avversi nel tempo, tra cui – evidenzia Eikelboom – il cambiamento della virulenza di diversi ceppi del virus originale, l’aumento dell’immunità della popolazione conferita da una combinazione di immunità di gregge e delle vaccinazioni, l’aumento dell’uso di co-interventi efficaci nelle popolazioni più vulnerabili e i cambiamenti nei modelli di gestione della malattia Covid”. 

“Le prove dell’Act Outpatient Trial non supportano l’uso né della colchicina né dell’aspirina per il trattamento dei pazienti con Covid-19 trattati a caso o in ambulatorio. I pazienti che sono attualmente infetti e a rischio di progressione della malattia potrebbero – avverte l’autore principale dello studio – prendere in considerazione l’uso di terapie antivirali di comprovata efficacia, se accessibili, per prevenire la progressione della malattia”. 

Post navigation

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

P