Austin Metro: storica utilitaria britannica

Nel 1980 fu svelata la Austin Metro, introdotta sul mercato italiano nel corso dell’anno seguente. Inizialmente, era disponibile con il motore 1.0 da 48 CV per gli allestimenti base, L ed HLE, nonché con il propulsore 1.3 da 63 CV di potenza per l’allestimento S ed anche in abbinamento al cambio automatico.

Nel 1982, invece, la Austin Metro fu proposta con l’unità 1.3 da 74 CV, per gli allestimenti Vanden Plas ed MG. Quest’ultimo, nel 1983, adottò la motorizzazione 1.3 Turbo da 90 CV di potenza. L’aggiornamento dell’utilitaria britannica proseguì nel 1984, con il debutto dell’allestimento unico LS. Nel 1985 fu sottoposta al restyling di metà carriera e, per l’occasione, la gamma fu ampliata alla variante con la carrozzeria a cinque porte. Nel 1989, infine, fu commercializzata con il brand Rover.

Nella produzione della Austin Metro figurano numerose versioni speciali, con le varie denominazioni Surf, Special, Moritz, Mayfair, Kilt, Tweed, Studio 2, Super Kilt, ARX, Dundee, Jet Black e Red Hot. Nel 1990, fu sostituita dalla Rover 100. Sul mercato italiano risultavano circolanti 91.650 esemplari nel 1989, mentre il quantitativo odierno ammonta a 5.037 unità.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Elezioni 2022, scintille Renzi-Pd

Articolo successivo

Covid e quarantena asintomatici, Costa: "Subito riduzione, poi stop definitivo"

Articoli correlati
P