Sicurezza stradale: l’importanza del primissimo soccorso, a ritmo di rap

(Adnkronos) – • «BLS», Basic Life Support: le manovre basilari della rianimazione cardiopolmonare sono il titolo e tema di un brano per la Generazione Z, impara a guidare e a salvare una vita 

• Campagna promossa in Italia da UNASCA, assieme ad EFA (Associazione Europea delle Autoscuole), ERC (European Resuscitation Council) e IRC (Italian Resuscitation Council) 

• Il brano delle artiste Zoelle e Nayomi, distribuito da Warner Music Italia in versione inglese e italiana presentato al Parlamento europeo durante il secondo evento LIFE4MEDECA 

Roma, 25 luglio 2022– «BLS» sta per Basic Life Support, le manovre basilari della rianimazione cardiopolmonare. Tecnica semplice, che tutti possono apprendere; cruciale quando si tratta di salvare la vita a chi ha subito un incidente stradale, ma non solo. Per sensibilizzare la Generazione Z all’importanza delle tecniche di primissimo soccorso, UNASCA (Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica), EFA (Associazione Europea delle Autoscuole), ERC (European Resuscitation Council) e IRC (Italian Resuscitation Council) hanno lanciato il messaggio sul beat di un brano rap, sia in italiano che in versione inglese e francese, con le voci delle rapper Zoelle e Nayomi e distribuito da Warner Music Italia. Il video prodotto dalla torinese RKH Studio ha totalizzato in meno di un mese oltre 13 mila visualizzazioni sul canale YouTube di Warner per la sola versione in inglese ed è il secondo brano di Zoellepiù ascoltato su Spotify. 

«Il 22 giugno scorso EFA, European Driving Schools Association, ed ERC, European Resuscitation Council, hanno presentato il video di «BLS» a Bruxelles in occasione della seconda sessione istituzionale del LIFE4MEDECA al Parlamento europeo. Siamo solo all’inizio. Oltre alle versioni inglese e italiana, stiamo anche traducendo la canzone in francese e arabo. A settembre il video sarà presentato al “Road Safety Film Festival” organizzato da Lasermedia durante i lavori del Global Forum for Road Traffic Safety all’UNECE di Ginevra. La seconda fase del progetto prevede la formazione dei formatori EFA attraverso gli esperti della rete ERC», afferma il segretario generale di EFA Manuel Picardi. 

«L’idea di parlare alle ragazze e ragazzi che frequentano oggi le autoscuole per conseguire la patente con il loro linguaggio e attraverso la musica ci ha convinti subito. Sappiamo quanto più rapidamente e profondamente i comportamenti dei più giovani si diffondano quando sono veicolati dalla musica e dai loro artisti di riferimento. In questo caso la scommessa è stata fatta su due artiste emergenti che hanno interpretato il messaggio “impara a guidare e a salvare una vita” alla perfezione», commenta il presidente di UNASCA Antonio Datri. 

https://www.youtube.com/watch?v=VG9n3T3FXO0
 

unasca.it 

 

Ufficio Stampa 

Effecicomunicazione 

Sergio Cerini– 3356951224 – s.cerini@effecicomunicazione.it
 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Rai1: boom di ascolti per il ritorno di "Azzurro. Storie di mare" con Beppe Convertini

Articolo successivo

Elezioni politiche 2022, Meloni: "Senza accordo su premier non ha senso governo insieme"

Articoli correlati
P