ManpowerGroup, un lavoratore su due non vuole un orario fisso

(Adnkronos) – I lavoratori chiedono ai loro datori di lavoro di passare dalla fase di emergenza pandemica a una nuova era nei rapporti di lavoro, dando priorità alla flessibilità e a fattori quali la fiducia, il purpose aziendale e il benessere. È quanto emerge da una nuova ricerca di ManpowerGroup, multinazionale leader nelle innovative workforce solutions, e Thrive, azienda fondata da Arianna Huffington e leader nelle soluzioni tecnologiche per il cambiamento dei comportamenti.  

La ricerca What workers want: dalla ricerca alla realizzazione sul lavoro, parte della serie di studi ‘What workers want’ di ManpowerGroup, si basa su un’indagine condotta su oltre 5.000 lavoratori in cinque Paesi di cui più di un migliaio in Italia e rivela che la quasi totalità dei lavoratori italiani (96%) considera la flessibilità importante. Tuttavia, la natura di tale flessibilità varia. In questo momento la richiesta delle persone è di una flessibilità ritagliata sulle loro esigenze, con il 51% che vuole scegliere l’orario di inizio e fine lavoro e il 17% che sarebbe disposto a rinunciare a un giorno di stipendio per lavorare quattro giorni alla settimana, pur di raggiungere un migliore equilibrio tra vita privata e lavoro. I risultati indicano anche che il ruolo dei leader sta cambiando, poiché la fiducia e i valori condivisi sono sempre più importanti e i lavoratori sono disposti ad andarsene se non si sentono adeguatamente supportati. 

“In questi anni sono cambiate profondamente le esigenze e le richieste delle persone nel mondo del lavoro. La pandemia ha accelerato i cambiamenti contribuendo a mettere al centro il benessere delle persone, in Italia come nel resto del mondo”, ha dichiarato Anna Gionfriddo, amministratrice delegata di ManpowerGroup Italia. “A ciò si aggiunge un fattore chiave nel mercato del lavoro odierno, ovvero la scarsità dei talenti: nel nostro Paese i datori di lavoro prevedono assunzioni in crescita del +23% per il terzo trimestre di quest’anno, ma a tale dato si contrappone una sempre maggiore difficoltà a trovare i talenti necessari, come riportano quasi tre aziende su quattro. In questo contesto, l’attenzione verso le necessità e i bisogni delle persone, fuori e dentro il luogo di lavoro, da parte dei leader d’azienda, assume una rilevanza fondamentale per trattenere i migliori talenti, attirarne di nuovi e crescere con essi”. 

Secondo l’indagine, la fiducia è un fattore chiave per una forza lavoro sana e felice. La fiducia nei colleghi è giudicata importante dall’82% dei lavoratori italiani, seconda solo all’equità della retribuzione (88%) e alla sicurezza delle condizioni di lavoro (87%), mentre la fiducia nei leader è stata giudicata un requisito necessario da più di due terzi degli intervistati (69%). Inoltre, le persone vogliono lavorare per aziende con cui condividono valori e convinzioni (69%), e il 73% cerca un significato personale nel proprio lavoro quotidiano.  

La pandemia ha posto la salute mentale in cima all’agenda pubblica e aziendale e i lavoratori vedono ora il benessere come una responsabilità condivisa con i datori di lavoro. I livelli di stress in Italia sono diminuiti rispetto al picco della pandemia (dal 42% al 36%), ma sono ancora superiori a quelli precedenti al marzo 2020 (29%).  

Sempre più spesso i datori di lavoro saranno chiamati ad affrontare il burnout, a contribuire a costruire la resilienza e a supportare azioni per il miglioramento del benessere delle persone. 

ManpowerGroup ha collaborato con Thrive per identificare le azioni che i datori di lavoro possono intraprendere subito per sostenere il benessere delle persone. Le aziende possono creare un cambiamento culturale duraturo, ad esempio, adottando pratiche come l’Entry Interview, cioè il colloquio preliminare tra un neoassunto e il suo manager che avviene il primo giorno di lavoro e in cui si chiarisce cosa è importante per la persona al di fuori del lavoro e come l’azienda può sostenerlo; creando una cultura di ‘sincerità solidale’, ovvero consentendo alle persone di condividere feedback e nuove idee, nonché punti di tensione, con sensibilità, empatia e comprensione, così che l’intera azienda ne beneficia; infine, incoraggiando le persone a praticare i microsteps, cioè piccoli gesti sostenuti da basi scientifiche per costruire nuove abitudini salutari nelle aree che contano di più: fare una vera pausa pranzo, trasformare una riunione seduti in una riunione fatta passeggiando, o programmare sul calendario il tempo da dedicare a qualcosa di importante al di fuori del lavoro. 

“Le tensioni degli ultimi due anni ci hanno costretti a riflettere su ciò a cui diamo veramente valore e abbiamo l’opportunità, unica per questa generazione, di ripensare il nostro modo di lavorare e di vivere”, ha dichiarato Arianna Huffington, fondatrice e ceo di Thrive.  

“Eravamo – ha aggiunto – nel bel mezzo di un’epidemia globale da stress e burnout già prima del Covid. Poi è arrivata la pandemia e il benessere e la resilienza delle persone sono entrati nell’agenda delle aziende di tutto il mondo. Noi di Thrive lavoriamo con quelle imprese che si rendono conto che la loro risorsa più importante sono le persone. Si rendono conto della connessione diretta tra la salute a lungo termine dei loro profitti e la salute delle loro persone”.  

 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid, Costa: "A breve riduzione isolamento positivi asintomatici"

Articolo successivo

Gelmini: "Salvini ha tradito l'Italia, nessuna lezione da lui"

Articoli correlati
P