Luca Capilungo: trent’anni di alta pasticceria nella capitale del Barocco.

(Adnkronos) – Il suo laboratorio dolciario un punto di riferimento per Lecce e il Salento 

Lecce, 26/07/2022 – Nel Salento non si può parlare di pasticceria senza menzionare Luca Capilungo, titolare dell’omonima pasticceria leccese di via Bari, un vero e proprio simbolo dell’arte dolciaria salentina. L’avventura di Luca Capilungo comincia a soli 13 anni durante le vacanze estive, quando il papà gommista sempre impegnato nel suo lavoro, per evitare che il figlio crescesse “per strada”, lo manda ad “imparare un mestiere” presso la celeberrima pasticceria del Maestro Franco Franchini, un’istituzione nel panorama dolciario leccese. Luca, che ha sempre avuto una propensione naturale verso i mestieri manuali, si rende conto da subito di essere profondamente affascinato da questo mestiere: “ho cominciato come apprendista, lavavo le pentole e consegnavo le torte ai clienti in bicicletta. Non esistevano weekend di riposo, né serate goliardiche con i miei coetanei, né grandi guadagni, ma il mio unico obiettivo era imparare. I ritmi duri di questo lavoro mi hanno imposto di sacrificare la mia giovinezza ma non ho nessun rimpianto, perché ho inseguito il mio sogno e oggi il mio lavoro è la mia vita”, dichiara il pasticcere. 

Oltre ad essere un eccellente maestro dell’arte pasticcera, Franchini ha rappresentato per Luca Capilungo un vero e proprio mentore, un maestro di vita a cui ancora oggi è infinitamente grato: “Ero estremamente affascinato da come, col movimento delle mani, il maestro creasse opere d’arte della pasticceria tradizionale. Fra me e lui c’è ancora oggi un legame indissolubile. Quando ero solo un ragazzino, ricordo che amavo trascorrere anche il mio tempo libero in sua compagnia: andavo a fargli visita nella sua casa e faccio ancora tesoro delle chiacchierate e dei consigli che mi dispensava durante le nostre lunghe passeggiate”, prosegue Capilungo che, dopo circa un decennio di gavetta, il primo marzo del 1991 apre la sua prima piccola pasticceria di appena 100 mq: “Per la festa di San Giuseppe, dopo neanche venti giorni dall’apertura, ricordo di aver venduto 1500 zeppole”, prosegue il pasticcere leccese, che oggi di zeppole ne vende almeno ottomila in quella ricorrenza assai sentita nella sua terra. Il successo dunque non ha tardato ad arrivare per il talentuoso Capilungo, che nel 2004 ha inaugurato sempre in via Bari l’attuale sede di Pasticceria Capilungo, un locale di 350 mq, arredato con gusto e ricercatezza e dotato di un laboratorio all’avanguardia, in cui oggi lavorano ben 30 dipendenti e dove la produzione è esclusivamente artigianale, pur facendo grandi numeri: “non sento la stanchezza o il peso del sacrificio perché la pasticceria è l’espressione di me stesso”, esclama Capilungo. 

Rispetto della tradizione, della semplicità e dei “sapori di una volta”, sono le linee guida dell’arte dolciaria di Luca Capilungo, che nella sua pasticceria propone i classici dolci salentini, come gli iconici pasticciotti fatti esclusivamente con crema di produzione artigianale, la copeta, un dolce natalizio assai simile al torrone, la cotognata leccese, una confettura solida ottenuta dalle mele cotogne, ed i mustaccioli, deliziosi biscotti realizzati con spezie invernali. Nel laboratorio leccese di via Bari non mancano comunque creatività e innovazione: sono numerose infatti le creazioni targate Luca Capilungo, fra queste i famosi “fichetti”, mustaccioli a base di fichi. o i rinomati “mignon”, delle vere e proprie riproduzioni in miniatura dei principali dolci locali e nazionali, un must dei pranzi domenicali dei leccesi. 

La pasticceria è per Luca Capilungo un’arte delicata che si raggiunge solo con passione, dedizione, materie prime di qualità e tanta creatività. È per questo che nel corso degli anni, Pasticceria Capilungo ha ampliato le sue proposte, ed oltre alla caffetteria, le colazioni, la pasticceria e la gelateria, accanto ad un’accurata carta di vini e bollicine, propone rosticceria d’eccellenza e aperitivi finger food a base di insalata di mare, riso venere, tartare di tonno e molto altro, fornendo servizi di food and beverage anche per eventi privati presso case, masserie, resort. Collabora inoltre con wedding planner e cake designer per la realizzazione di torte e dolci nuziali, e produce panettoni, uova pasquali, colombe ed un’ottima pralineria. 

Se la Puglia e in particolare il Salento sono territori sempre più attrattivi per il turismo enogastronomico e del wedding è anche grazie a realtà come quella della Pasticceria Luca Capilungo, un presidio di qualità, artigianalità e rispetto della tradizione, dove il valore aggiunto è rappresentato da un’accoglienza intrisa del tipico calore meridionale, che mette a proprio agio i clienti italiani e stranieri, facendoli sentire a casa. 

CONTATTI:  

Sito web :https://www.pasticcerialucacapilungo.it/
 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

La rapida ascesa di Maxfel srl: Dietro ogni risultato c’è tanto duro lavoro

Articolo successivo

Energia, trend in crescita per il fotovoltaico

Articoli correlati
P