Covid, studio boccia la vitamina D

(Adnkronos) – Covid, nuovo giro di vite sugli integratori a base di vitamina D. Lo ha annunciato Nicola Magrini, direttore generale dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa, oggi a Roma durante la presentazione del Rapporto Osmed 2021 sull’uso dei medicinali in Italia. Sulla base di un maxi studio pubblicato ieri sul ‘The New England Journal of Medicine’, da cui risulta che “su tutti i parametri considerati” la vitamina D – ha riassunto Magrini – sarebbe “priva di effetti utili”, il Dg ritiene “probabile a breve una revisione della Nota 96 che aveva già determinato un utilizzo più mirato di questo farmaco”, producendo “un risparmio di diverse decine di milioni l’anno”. Magrini auspica inoltre una “campagna di sensibilizzazione” e “nuovo un lavoro più stretto con le Regioni sull’ambito dell’appropriatezza” prescrittiva, “uno dei più importanti”. (segue)  

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Il matrimonio è davvero la tomba del desiderio?

Articolo successivo

Arresto cardiaco, un gas per guarire: prima mondiale a Milano

Articoli correlati
P