Ucraina: “Nuovi colloqui dopo nostra posizione rafforzata sul campo”

(Adnkronos) –
L’Ucraina vuole rafforzare le sue posizioni sul campo, con l’aiuto di nuove forniture di armi dall’Occidente, prima della ripresa dei colloqui con la Russia. Lo ha affermato il negoziatore ucraino, David Arakhamia, secondo quanto riporta il Guardian, passati più di 100 giorni dall’invasione russa dell’Ucraina. “Le nostre forze armate sono pronte a usare” le nuove armi e “poi penso – ha detto – potremo iniziare un nuovo round di colloqui da una posizione rafforzata”. 

Intanto il capo dell’Ufficio del Presidente dell’Ucraina Andriy Yermak ha annunciato su Telegram che le forze armate ucraine “hanno distrutto quasi interamente la 35esima armata militare della Federazione Russa a Izyum”, nell’oblast di Kharkiv.  

Mentre il ministero degli Affari interni dell’Ucraina ha riferito che più di 1.300 corpi di civili della regione di Kiev, “fucilati e torturati dalle truppe russe”, sono stati riesumati fino ad oggi. “Gli ucraini che sono stati uccisi e torturati dai russi vengono ancora trovati nella regione di Kiev. Ad oggi sono stati riesumati più di 1.300 corpi di civili. Dopo aver condotto azioni investigative presso il luogo di sepoltura, sono stati inviati all’obitorio, dove sono state condotte le visite mediche forensi”, ha affermato su Facebook il ministero dell’Interno, precisando che più di 200 persone non sono state identificate. 

ONU – Quasi 14 milioni di ucraini sono stati costretti a fuggire dalle loro abitazioni a causa dell’invasione russa. Lo ha affermato la responsabile Onu della crisi in Ucraina Amina Avada. “Le famiglie e le comunità sono state distrutte e sradicate. In poco più di tre mesi, circa 14 milioni di ucraini sono stati costretti a fuggire dalle proprie case, la maggior parte dei quali donne e bambini: la portata e la velocità di tale trasferimento sono sconosciute alla storia”, si legge nella nota. 

Centinaia di persone fuggono ogni giorno dalla città di Sloviansk, nell’est dell’Ucraina, a circa 60 chilometri da Severodonetsk. Lo ha detto il sindaco della città, Vadym Lyakh. “E’ quasi raddoppiato il numero delle persone che lasciano” la città, “sia tramite i bus per le evacuazioni dalla zona che con mezzi propri”, ha spiegato Lyakh, che – riporta la Cnn – ha sottolineato come un attacco missilistico che martedì ha fatto tre morti nella città abbia “spinto gli abitanti” alla fuga. Ogni giorno circa 70-100 si spostano verso Dnipro e 100-200 persone verso altre zone del Paese. Finora “non ci sono stati casi di bombardamenti o altri problemi”, ha assicurato. A Sloviansk ci sono ancora circa 25.000 civili.  

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Salvini in Russia, Calenda: "Balletto indecoroso, basta buffonate"

Articolo successivo

Nuova Mercedes-Benz GLC: in arrivo la variante SUV coupé

Articoli correlati
P