Storia di un anello perso in mare, ritrovato grazie a Google e Imede

storia anello perso in mare
storia anello perso in mare

Perso l’anello in mare, ritrovato grazie a Google e Imede. Una storia a lieto fine, fortunatamente, per la mia fede nuziale. Solitamente gli oggetti persi in mare sono difficili da recuperare. Soprattutto con il passare del tempo e le mareggiate che rischiano di far inabissare oggetti importanti sotto la sabbia.

Mi è capitato domenica, mentre trascorrevo una giornata a mare a Scanzano Jonico, in Basilicata.

Dopo un tuffo in acqua la triste scoperta: la fede non c’era più. Vari e vani i tentativi di provare a recuperare l’anello, persino con un retino ma ogni prova si era conclusa con un nulla di fatto complice anche il vento e il mare mosso. 

Dopo averle tentate tutte, ed essermi quasi rassegnato, ho provato a vedere se Google potesse fornire qualche consiglio utile per ritrovare l’anello. Sul motore di ricerca, infatti, si possono trovare informazioni di ogni genere grazie ai risultati di ricerca generati dagli algoritmi. Dalle ricette, ai consigli tecnologici, c’è in realtà di tutto. “Perchè non sfruttarlo per vedere se venisse fuori qualche suggerimento utile?” 

Certo, Google non mi avrebbe ritrovato l’anello… ma mi ha fornito il sito di un’associazione di volontari dediti al recupero di questi oggetti che hanno un valore affettivo importante: Imede.

“Funzionerà? Sarà affidabile?” – questi i primi pensieri ma ho tentato ugualmente, giocandomi ogni chance, compilando l’apposito modulo di richiesta. Dopo pochi minuti arriva una mail di un volontario che accetta l’incarico, comunicando la sua disponibilità ad operare dopo una certa ora. 

L’area di ricerca è stata in acqua marina alta (MAGGIORE di 1MT). Con un po’ di lavoro e di fatica, questo “angelo” riesce a trovare il mio anello nonostante le difficoltà dovute al vento e al mare mosso. 

Le storie a lieto fine, per fortuna, non esistono solo nei film.

Total
11
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tg1, dietro no Giorgino a rassegna stampa problemi di salute

Articolo successivo

Artmarket.com: L'arte entra nel Metaverso

Articoli correlati
P