Kaspersky: Deepfake come riconoscerli e proteggersi

(Adnkronos) –
Milano, 10 giugno 2022 – Google ha bandito gli algoritmi di Deepfake da Google Colaboratory, il servizio di calcolo gratuito con accesso alle GPU. Il gigante della tecnologia non è stato l’unico a regolamentare i Deepfake: diversi stati americani hanno leggi che li regolamentano, il progetto di legge cinese richiede l’identificazione dei dati generati al computer e il futuro regolamento UE sull’intelligenza artificiale potrebbe includere una clausola su questa particolare tecnologia. 

Tenuto conto delle riserve e dei dubbi generati da questo tipo di tecnologia, gli esperti di Kaspersky hanno deciso di spiegare cosa sia la tecnologia Deepfake, quali rischi presentano e come gli utenti possono proteggersi: 

• I “Deepfake” si riferiscono comunemente a vari tipi di dati sintetici, generati dal computer, che coinvolgono le persone e sono realizzati con reti neurali profonde. Può trattarsi di video, foto o registrazioni vocali. L’uso del deep learning, al posto delle tradizionali tecniche di editing delle immagini, riduce drasticamente lo sforzo e l’abilità necessari per creare un falso convincente. 

• In origine, il termine si riferiva a un particolare software che aveva guadagnato popolarità su Reddit. Il software era in grado di sostituire il volto di una persona all’interno di un video e veniva utilizzato quasi esclusivamente per creare porno non consensuali con alcune celebrità. Secondo alcune stime, fino al 96% di tutti i Deepfake sono pornografici, il che mette in evidenza le preoccupazioni legate all’uso dei Deepfake per abusi, estorsioni e casi di pubblica umiliazione. 

• Questa tecnologia potrebbe anche aiutare i criminali informatici. In Inghilterra, ad esempio, un Deepfake vocale è stato utilizzato per ingannare le aziende e indurle a trasferire fondi ai truffatori, fingendosi funzionari delle rispettive società. Una recente ricerca ha dimostrato che gli algoritmi commerciali di rilevamento della vivacità, utilizzati dalle istituzioni finanziarie nelle procedure KYC, potrebbero essere ingannati da Deepfake creati a partire da fototessere, creando nuovi vettori di attacco e rendendo i documenti d’identità trapelati un problema ancora più grave. 

• Un ulteriore problema risiede nel fatto che i Deepfake minano la fiducia degli utenti rispetto a vari contenuti audio e video in quanto possono essere effettivamente utilizzati per scopi malevoli. Ad esempio, in un caso recente, una falsa intervista di Elon Musk è stata utilizzata per promuovere una truffa sulle criptovalute. Diversi esperti e istituzioni, come Europol, avvertono che la crescente disponibilità di Deepfake può portare a un’ulteriore proliferazione della disinformazione su Internet. 

• Ovviamente non esistono solo aspetti negativi. La manipolazione delle immagini è antica quanto le immagini stesse e la CGI (computer-generated imagery) esiste da decenni, ed entrambi vengono utilizzati in diverse occasioni. Ad esempio, in un recente video di Kendrick Lamar, Heart Part 5, la tecnologia Deepfake è stata utilizzata per trasformare il volto del rapper in quello di altre celebrità, come Kanye West. Nel film Top Gun: Maverick, è stato utilizzato un algoritmo per dare voce al personaggio di Val Kilmer dopo che l’attore aveva perso la voce. Un algoritmo Deepfake è stato utilizzato anche per creare una serie virale su TikTok con protagonista un finto Tom Cruise. Alcune startup stanno cercando nuovi modi per utilizzare la tecnologia, ad esempio per generare avatar realistici nel metaverso. 

Tenuto conto di queste problematiche relative ai Deepfake potrebbe essere difficile riconoscerli. Di seguito alcuni consigli di Kaspersky: 

• Un Deepfake convincente, come quello di Tom Cruise, richiede ancora molta esperienza e impegno, e talvolta anche un imitatore professionista. I Deepfake utilizzati per le truffe tendono ancora a essere di bassa qualità e possono essere individuati notando movimenti innaturali delle labbra, capelli non propriamente realistici, forme del viso non corrispondenti, battito di ciglia scarso o assente, colori della pelle non corrispondenti e così via. Anche gli errori nella resa dei vestiti o una mano che passa sul viso possono rivelare un Deepfake amatoriale. 

• Nel caso in cui un personaggio famoso o pubblico fa affermazioni azzardate o offerte troppo belle per essere vere, anche se il video risultasse convincente, è sempre meglio procedere con attenzione e fare un controllo incrociato delle informazioni consultando fonti attendibili. Inoltre, i truffatori possono intenzionalmente codificare i video per nascondere i difetti dei Deepfake creati, per cui osservare il video alla ricerca di indizi potrebbe non essere la strategia migliore, è sempre meglio usare il buon senso e fare delle verifiche ulteriori. 

• Una soluzione di sicurezza affidabile può fornire un buon supporto nel caso in cui un Deepfake di alta qualità convinca gli utenti a scaricare file o programmi dannosi o a visitare link sospetti o siti web di phishing. 

• Le vittime di Deepfake Porn possono rivolgersi sia al sito web per chiedere la rimozione del video (molti siti web vietano la pubblicazione di Deepfake), sia alle forze dell’ordine, in quanto la generazione di questi contenuti è un reato penale in alcune legislazioni. 

“I Deepfake sono un esempio lampante di come una tecnologia si sviluppi più velocemente del tempo necessario a comprenderla e a imparare a gestirne i rischi. Per questo motivo viene percepita sia come uno strumento in più a beneficio degli artisti, che come nuovo strumento di disinformazione che mette in discussione diversi aspetti della nostra vita quotidiana”, ha affermato Vladislav Tushkanov, lead data scientist di Kaspersky.
 

Informazioni su Kaspersky
 

Kaspersky è un’azienda di sicurezza informatica e digital privacy che opera a livello globale fondata nel 1997. La profonda competenza di Kaspersky in materia di threat intelligence e sicurezza si trasforma costantemente in soluzioni e servizi innovativi per proteggere le aziende, le infrastrutture critiche, i governi e gli utenti di tutto il mondo. L’ampio portfolio di soluzioni di sicurezza dell’azienda include la protezione degli Endpoint leader di settore e una serie di soluzioni e servizi specializzati per combattere le minacce digitali sofisticate e in continua evoluzione. Più di 400 milioni di utenti sono protetti dalle tecnologie di Kaspersky e aiutiamo 240.000 clienti aziendali a proteggere ciò che è per loro più importante. Per ulteriori informazioni: https://www.kaspersky.it/
 

Seguici su:
 

https://twitter.com/KasperskyLabIT
 

http://www.facebook.com/kasperskylabitalia
 

https://www.linkedin.com/company/kaspersky-lab-italia
 

https://www.instagram.com/kasperskylabitalia/
 

https://t.me/KasperskyItalia
 

Contatto di redazione:
 

kaspersky@noesis.net
 

www.kaspersky.it
 

Total
0
Shares
Articoli correlati
P