Giordano (Inl): “Lavoro irregolare è rapina a Stato e a tutti noi”

(Adnkronos) – “Quando c’è un lavoro irregolare, in nero, avviene una vera e propria rapina allo Stato, ma si sottraggono enormi risorse anche a tutti noi. Non dimentichiamo che l’emergenza sanitaria è probabilmente finita ma non è finita quella lavorativa. Sono cambiati i termini tra occupazione e disoccupazione. Ci sono tante nuove disuguaglianze, il Sud è sempre più Sud, mentre il Nord presenta delle caratteristiche diverse. La pandemia ha creato più necessità di lavoro domestico e famigliare e ha modificato anche la ‘geografia’ familiare”. Lo ha detto il direttore dell’Inl, Bruno Giordano, parlando dal palco del Festival del lavoro a Bologna.  

E secondo Giordano “sul decreto legge di 48 ore fa che ha aperto i flussi e ha autorizzato l’asseverazione da parte delle associazioni di categoria per accelerare nell’arco di 30 giorni l’ingresso di chi vuole venire a lavorare nel nostro Paese. Dobbiamo cercare immediatamente di dare risposta alle imprese per l’incrocio di domanda e offerta, ma con attenzione, no al lavoro a tutti costi”, ha concluso.  

P