Blocco Kaliningrad, Russia minaccia: “Revoca o reagiremo”

(Adnkronos) – La Russia si riserva il diritto di agire in difesa dei propri interessi, nel caso in cui la Lituania non revocherà il blocco al transito delle merci tra Kaliningrad ed il resto della Federazione. E’ quanto si legge in una nota del ministero degli Esteri di Mosca, nella quale si dà conto della convocazione dell’incaricata d’affari lituana Virginia Umbrasene, alla quale è stata espressa “la forte protesta in connessione con un bando imposto da Vilnius senza una precedente notifica alla Russia sul transito ferroviario di un’ampia gamma di beni verso la regione di Kaliningrad attraverso il territorio della Lituania”.  

“E’ stata chiesta l’immediata cancellazione di queste restrizioni”, si legge nella nota, nella quale si avverte che “finché non riprenderà pienamente il transito commerciale tra la regione di Kalinigrad ed il resto del territorio russo attraverso la Lituania, la Russia si riserva il diritto di agire in difesa degli interessi nazionali”.  

Secondo quanto denunciato poco prima dal portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, la decisione della Lituania di limitare il transito ferroviari delle merci verso l’exclave russa di Kaliningrad è illegale e senza precedenti. “Questa decisione è davvero senza precedenti ed è dovuta alla decisione dell’Unione Europea di estendere le sanzioni al transito. Consideriamo anche questo illegale”. Il portavoce del Cremlino ha dichiarato che la situazione attuale è “più che grave” e la risposta russa alla decisione lituana arriverà dopo “un’analisi molto approfondita” che sarà condotta nei prossimi giorni. Allo stesso tempo, Peskov non ha risposto alla domanda se il Cremlino abbia ricevuto indicazioni dalle autorità di Kaliningrad su possibili misure di ritorsione. 

Le ferrovie lituane hanno notificato due giorni fa alle ferrovie della regione di Kaliningrad limiti al transito di un certo numero di merci dalle regioni russe, nel rispetto delle sanzioni europee contro la Russia, in una misura che colpisce il traffico verso l’enclave baltica, stretta fra Polonia e Lituania. Secondo il governatore di Kaliningrad, Anton Alikhanov, viene così colpito il 40-50% del transito di merci, specie per quanto riguarda metalli e materiali da costruzione. Da settimane sulla televisione russa si sentono appelli a costituire “un corridoio” fra l’enclave e il resto del paese, ma ciò significherebbe un attacco militare contro Lettonia e Lituania, due stati membri dell’Ue e la Nato. Mosca punta ad aggirare il divieto di transito via ferrovia potenziando i trasporti marittimi tra Kaliningrad e San Pietroburgo.  

“L’Unione Europea dovrà rimediare al blocco del transito da Kaliningrad, altrimenti la Russia avrà le mani libere per risolvere il problema del transito in un altro modo”, ha affermato dal canto suo Andrei Klimov, vicecapo della commissione Esteri del Consiglio legislativo, la Camera alta del Parlamento russo.  

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Omicron 5, Pregliasco: "Come influenza? Messaggio distraente"

Articolo successivo

M5S, tarda nota su caso Di Maio: dubbi Bonafede, Crippa e Appendino

Articoli correlati
P