Sostenibilità, esperti di Enel e Baker Hughes al Sustainability Summit di Ey

(Adnkronos) – Si è svolto oggi a Milano il Sustainability Summit di Ey, azienda di servizi e consulenza operante a livello internazionale, con il quale si è voluto analizzare gli aspetti più importanti della sfida davanti alla quale si trovano aziende, Stati e singoli cittadini: la transizione ecologica. Le società presenti all’evento hanno offerto il loro punto di vista sui passi da compiere per raggiungere l’importante obiettivo della riduzione dell’impatto ambientale e delle emissioni di CO2.  

Luca Maria Rossi, Vice President New Frontiers di Baker Hughes, ha parlato delle grandi possibilità che presenta questo epocale cambiamento: “Nel campo dell’energia la sostenibilità è una grande opportunità perché per raggiungere gli obiettivi di lungo termine, come la riduzione dell’impatto ambientale e il taglio drastico delle emissioni di CO2, c’è bisogno di grossi investimenti in tecnologia. Questi saranno critici per attirare nuovi cervelli e sviluppare nuove tecnologie da portare poi sul mercato. Basti pensare che ad oggi il 65% delle tecnologie necessarie per raggiunger un livello di sostenibilità accettabile nel settore dell’energia non è ancora stato commercializzato: questa è la grande opportunità dinnanzi a noi”.  

Rossi ha poi sottolineato l’importanza della collaborazione tra imprese e Istituzioni: “L’aspetto normativo relativo alle politiche energetiche è fondamentale per attuare una transizione ecologica ordinata e sinergica. Questo sforzo iniziale va compiuto assieme, come un sistema. L’opportunità per gli stati ma anche per le aziende è enorme. Per noi dunque la sostenibilità non è solamente un dovere ma soprattutto un’opportunità da cogliere e per la quale lavorare assieme”. 

Anche Enel, attraverso le parole di Giulia Genuardi, Head Of Sustainability Planning and Performance Management, ha portato il proprio punto di vista sul percorso da compiere per portare a compimento la transizione ecologica ed ha presentato il proprio ambizioso progetto, Net Zero 2040: “Il contesto in cui ci stiamo muovendo in questo periodo ci mette di fronte a numerose sfide. Ciò fa sì che le aziende che operano nel settore energetico debbano accelerare il processo di transizione ecologica, la quale deve però essere ordinata”. 

Genuardi ha poi proseguito illustrando i punti cardine del processo di rinnovamento del modello organizzativo dell’azienda: “Noi quest’anno abbiamo deciso di anticipare il raggiungimento del nostro obiettivo di sostenibilità: Net Zero 2040 rappresenta il nostro impegno in questi termini. Entro questa data il 100% dell’energia proverrà da fonti rinnovabili e per farlo dovremo abbandonare alcuni dei mercati tradizionali, legati alle fonti fossili, e guardare a quelli delle rinnovabili. Quest’evoluzione non può che essere legata al concetto di elettrificazione dei consumi e ad un concetto di cambiamento da parte delle abitudini dei nostri consumatori, che diventano parte integrante di questo processo di transizione, insieme alle persone all’interno dell’azienda e insieme alla catena di fornitura”.  

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Riassunto: Temenos presenta la piattaforma di banking per tutti al Temenos Community Forum 2022

Articolo successivo

Lavoro, Letta: "Giovani vanno pagati, stop stage gratuiti"

Articoli correlati
P