SOLIDA PARTENZA DI ILLIMITY NEL PRIMO TRIMESTRE 2022, IN LINEA CON LA TRAIETTORIA DI CRESCITA DEL PIANO STRATEGICO

(Adnkronos) –
RISULTATO DI GESTIONE a 33,5 milioni di euro,
in crescita del 72% a/a
 

UTILE NETTO a 15,7 milioni di euro (+25% a/a)
 

Il primo trimestre più forte di sempre in termini di generazione di nuovo business, che porta i crediti verso clientela e investimenti a
oltre 2,8 miliardi di euro (+27% a/a) e gli attivi a 4,9 miliardi di euro
 

Qualità del credito e Patrimonializzazione si confermano
a livelli di eccellenza nel sistema bancario: NPE Ratio organico

1

a 0,7% e CET1 Ratio a 17,7%
 

Lanciate con successo B-ILTY e QUIMMO,
iniziative digitali fortemente innovative
 

Rafforzamento della leadership nella gestione di crediti UTP large ticket corporate real estate attraverso l’acquisizione di AREC
con più di 2 miliardi di corporate UTP in gestione
 

MILANO, May 11, 2022 (GLOBE NEWSWIRE) — Il Consiglio di Amministrazione di illimity Bank S.p.A. (“illimity” o la “Banca”), riunitosi ieri sotto la presidenza di Rosalba Casiraghi, ha approvato i risultati del Gruppo illimity al 31 marzo 2022. 

illimity prosegue anche nel primo trimestre 2022 il proprio percorso di crescita, in linea con la traiettoria prevista dal Piano Strategico 2021-25, registrando un utile netto di 15,7 milioni di euro, valore in crescita del 25% rispetto al primo trimestre del 2021 (12,6 milioni di euro). 

Nel dettaglio, l’esercizio in esame è stato caratterizzato dalle seguenti dinamiche: 

Nei primi mesi del 2022, in esecuzione di quanto previsto dal Piano Strategico 2021-25, sono state lanciate due iniziative ad alto contenuto tecnologico: 

La possibilità di servire mercati di dimensioni rilevanti e di creare future partnership, unitamente alla tipica scalabilità di tali iniziative legata all’elevato contenuto tecnologico, sono fattori che determineranno un forte potenziale di crescita dei risultati delle due iniziative e un significativo contributo ai risultati del Gruppo illimity. 

Infine, illimity ha raggiunto un accordo finalizzato all’acquisizione, tramite costituzione di una nuova società, di Aurora Recovery Capital S.p.A. (“Arec”), società specializzata nella gestione di crediti Unlikely to Pay (“UTP”) con focus sul segmento corporate real estate. L’operazione resta soggetta all’autorizzazione dell’Autorità di Vigilanza e dell’Assemblea degli azionisti di illimity oltre che alla realizzazione di condizioni standard per questa tipologia di operazione. Con la successiva integrazione di Arec in neprix, quest’ultima rafforzerà ulteriormente il proprio posizionamento di mercato e incrementerà significativamente i mandati di gestione conto terzi affermandosi sempre più come servicer di mercato e contando su una consolidata esperienza, un brand e una forte affidabilità riconosciuti dal mercato. Dall’operazione sono infatti attese significative sinergie: 

L’acquisizione e le potenziali sinergie sopra descritte produrranno un effetto positivo sull’utile prima delle imposte del Gruppo illimity, che si prevede possa attestarsi nell’intorno di circa 8 milioni di euro nel 2023 e di circa 11 milioni di euro nel 2025, incrementali rispetto ai target del Piano Strategico 2021-25. Al 2025 l’utile prima delle imposte della combined entity sarà quindi pari a oltre 30 milioni di euro. Per maggiori informazioni sull’operazione, si rimanda al comunicato stampa diffuso in data odierna. 

Corrado Passera, CEO e Fondatore di illimity, ha commentato: “I solidi risultati riportati nel primo trimestre ci consentono di guardare con grande positività anche al resto dell’anno.
 

Si è, infatti, aperta una nuova fase di crescita per illimity: i nostri mercati di riferimento – del credito performing, restructuring e distressed – sono destinati a diventare ancora più grandi nello scenario attuale, e la significativa generazione di investimenti e impieghi del primo trimestre, unitamente alla robusta pipeline, indicano che questa tendenza continuerà.
 

Siamo orgogliosi di aver lanciato negli ultimi mesi due iniziative altamente tecnologiche e in grado di supportare ulteriormente il percorso di crescita di illimity servendo mercati enormi e dai bisogni insoddisfatti: b-ilty, la prima piattaforma digitale completa di credito e servizi finanziari per le PMI, e Quimmo, la proptech molto innovativa che rivoluzionerà il mercato immobiliare libero. Se insieme a queste consideriamo anche HYPE, che continua a consolidare la leadership sul mercato italiano delle fintech, possiamo dire che illimity sta ulteriormente e significativamente aumentando la sua componente tecnologica, che sarà traino di crescita e di creazione di valore per tutti gli stakeholder.
 

L’acquisto di Arec ci consente inoltre di rafforzare il nostro posizionamento nella gestione di crediti UTP con particolare focus sul segmento dei large ticket corporate real estate, e ci mette in condizioni di cogliere le rilevanti opportunità di mercato che si presenteranno in futuro.
 

Infine, la pipeline di nuove opportunità di business e di partnership è molto ricca e, come previsto, il 2022 sarà l’anno in cui si manifesteranno le prime sinergie significative con il Gruppo ION.
 

I primi risultati del 2022 sono in linea con la traiettoria di crescita e redditività del Piano Strategico 2021-25 (>240 milioni di euro di Utile Netto nel 2025) a conferma della solidità del nostro modello di business anche nell’attuale contesto macroeconomico.”
 

Per maggiori dettagli vedere il comunicato completo: 

https://assets.ctfassets.net/0ei02du1nnrl/23UM8ZJlWJqTTKdXhzOyzW/cc53d790ae5a79a0122e1087e2980eba/illimity_Risultati_1Q22.pdf
 

Per ulteriori informazioni: 

Investor Relations
Silvia Benzi: +39.349.7846537 – +44.7741.464948 – silvia.benzi@illimity.com
 

Wire Service Contact:InvestorWire (IW)Los Angeles, Californiawww.InvestorWire.com
Editor@InvestorWire.com
 

_____________________1 Relativo al business originato da illimity, escludendo il portafoglio crediti della ex Banca Interprovinciale.2 Calcolato come rapporto tra accantonamenti per perdite su crediti e valore di crediti netti verso la clientela organici al 31 marzo 2022 (1.679 milioni di euro) sui segmenti Factoring, Cross-over, Acquisition Finance, Turnaround e crediti acquistati nell’ambito di investimenti in portafogli di crediti distressed che hanno subito un passaggio di status contabile successivo al momento dell’acquisto o erogazione (esclusi i crediti acquistati come sofferenza), portafoglio crediti della ex Banca Interprovinciale e Senior Financing verso investitori non finanziari di crediti distressed. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Registrations Open for Bitget KCGI 2022 with Upgraded 200 BTC Prize Pool

Articolo successivo

Paris La Défense (France): Sopra Steria Moves to Innovative New Offices at Générale Continentale Investissements' 22,000sqm Latitude.

Articoli correlati
P