Setta vs Timperi sul vestito della Pausini, “rischio body shaming”

Ha fatto discutere sul web un episodio puntata di Uno Mattina in famiglia, programma in onda il weekend su Rai1.

Raccontiamo i fatti per cronaca, al fine di spiegare come sono andate le cose e per cogliere il messaggio lanciato dalla conduttrice Monica Setta.

I fatti

Nella puntata di ieri, domenica 15 maggio, durante lo spazio dedicato all’Eurovision Song Contest 2022, Monica Setta ha chiesto un parere sul look di Laura Pausini a Stefano Dominella, esperto di moda.

“La Signora Pausini, grande cantante, grande showgirl, multilingue, era vestita non tenendo conto della bilancia, quindi i suoi look erano esagerati rispetto alla sua fisicità“.

ha così dichiarato Dominella ai microfoni di Uno Mattina in Famiglia

Monica Setta ha difeso Laura Pausini da quanto affermato Dominella, secondo cui la Pausini non doveva indossare quel genere di abiti senza un girovita perfetto.

“Le donne si giudicano dal cervello e non dal peso che hanno sulla bilancia” – ha tuonato la Setta, che ha voluto subito spegnere ogni polemica. “Fermiamoci, perché altrimenti divaghiamo troppo e noi dobbiamo seguire la scaletta“.

Subito dopo è nato un battibecco con l’altro conduttore del programma, Tiberio Timperi. “Eh beh, siamo qui per questo Monica, eh… Mica siamo all’Eurovision Song Contest“.

Pronta la replica della Setta, che ha chiuso lanciando un servizio proprio per cambiare tema: “Eh appunto, siamo a Uno Mattina in Famiglia“.

L’ottimo intervento di Monica Setta

Ma non è di certo dell’episodio televisivo che volevamo soffermarci, quanto sul senso dell’intervento della giornalista. Così come ha dichiarato all’AGI la psichiatra Laura Dalla Ragione, quella di Monica Setta è stata una mossa giustissima, un intervento importante.

“Ha fatto bene Monica Setta a difendere la Pausini. Donne e uomini dai fisici scolpiti e dai lineamenti perfetti ammiccano dalle pagine dei social più in voga, alimentando nei giovani piu’ fragili l’idea che quella sia la normalita’, che per contare qualcosa nel mondo di oggi si debba possedere un corpo “alla moda”, essere “della taglia giusta”

“Chi è “diverso” è oggetto di insulti e forme di “body shaming”, così viene chiamato il giudizio e la critica delle forme del corpo delle persone che avviene in particolare attraverso il web. Ecco perché ha fatto bene la Setta a ribadire il concetto che non e’ la magrezza a dare valore ad una persona oppure ancor peggio ad un vestito”.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Juventus-Lazio 2-2, Chiellini e Dybala dicono addio ai bianconeri

Articolo successivo

Jadea: comodità e sensualità per la Primavera / Estate 2022

Articoli correlati
P