Covid, Burioni: “Vaccini mi hanno fatto diventare ottimista”

(Adnkronos) – “I vaccini e la tecnologia a mRna che ci sta dietro sono stati una sorpresa inimmaginabile. Ancora oggi mi sorprendo della loro efficacia e sicurezza, per esempio negli anziani su cui non sempre i vaccini funzionano bene”. Roberto Burioni, docente di virologia al San Raffaele di Milano, spiega, in un’intervista su ‘La Stampa’, di essere diventato più ottimista grazie alle vaccinazioni anti Covid, come argomenta nel suo libro “La formidabile impresa” dedicata proprio alla scoperta dei vaccini. 

“La tecnologia a mRna è un risultato del mondo libero, della sua ricerca e della sua capacità di confronto, e per questo continuerà a stupirci”, dice aggiungendo che “una volta per produrre i vaccini si davano degli ordini a delle cellule in dei bioreattori perché producessero anticorpi. Ora si possono dare direttamente alle cellule dei pazienti. Basta produrre l’mRna, ovvero l’ordine con la proteina del virus così che venga riconosciuta dal sistema immunitario. Esserci riusciti in maniera sicura apre una nuova era”. Anche per battere altre malattie: “si va dall’impiantare citochine nelle cellule tumorali per attirarvi la risposta del sistema immunitario a vaccini personalizzati contro i tumori, anti-Hiv o senolitici per l’invecchiamento”, conclude Burioni.  

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid oggi Veneto, 4.141 contagi e 7 morti: bollettino 11 maggio

Articolo successivo

Rubato il Centro Mobile del MOIGE a Latina

Articoli correlati
P