Ucraina, Usa: “Delfini addestrati per proteggere flotta Russia nel Mar Nero”

(Adnkronos) – Per difendere la flotta del Mar Nero, la Russia si serve anche di delfini addestrati. Lo afferma l’Istituto navale degli Stati Uniti (Usni), sulla base d’immagini satellitari che individuano due recinti di delfini posizionati all’ingresso del porto di Sebastopoli al momento dell’invasione russa dell’Ucraina. Sebastopoli, in Crimea, è la principale base navale russa nel Mar Nero. Le navi nel porto militare sono fuori dalla portata dei missili ucraini, ma rimangono vulnerabili ad attacchi subacquei. E i delfini vengono addestrati dai russi, ma anche dagli americani, per il contrasto agli attacchi da parte di sommozzatori. 

Nel 2019 un delfino beluga con un’imbracatura con la scritta in russo “Equipaggiamento di San Pietroburgo” è stato trovato a largo della costa norvegese. Ribattezzato poi Hvaldimir, ovvero la balena di Vladimir (Putin) in norvegese, il cetaceo appariva chiaramente addomesticato dall’uomo e si è speculato su un suo possibile addestramento da parte delle forze militari russe.  

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Mascherine al chiuso, Speranza: "Obbligo fino a 15 giugno in ospedali, trasporti e cinema"

Articolo successivo

Ucraina, da Pharmap e Salvamamme 10mila tamponi per bimbi in centri accoglienza Roma

Articoli correlati
P