Endometriosi, “donne penalizzate due volte”. Parte una campagna anti-stigma

(Adnkronos) – “Le donne che soffrono di endometriosi sono penalizzate due volte: dalla malattia e da un contesto socio-culturale” denso di stigma. Lo denuncia la Fie, Federazione italiana endometriosi, che dà oggi il via a una campagna per raccontare le difficoltà vissute ogni giorno dalle pazienti. Attraverso tre video, realizzati insieme a Oej Agency, la Fie vuole lanciare “un messaggio forte di sensibilizzazione contro tutti i pregiudizi e gli ostacoli che oltre 3 milioni di donne in Italia sono costrette ad affrontare quotidianamente, nei più svariati contesti sociali, a partire dalla famiglia e dal lavoro, a causa della loro malattia”. Una condizione che “troppo spesso genera luoghi comuni e giudizi sbagliati, che finiscono per ‘paralizzare’ ancora di più la persona che soffre di endometriosi, portandola a non agire e a chiudersi in se stessa”.  

I video, che saranno diffusi da oggi sui canali social della Fie e all’interno della community ufficiale che conta oltre 42mila iscrizioni – spiega la Federazione in una nota – riportano numerose testimonianze di pazienti con endometriosi e di chi vive a stretto contatto con loro. Testimonianze di donne, dunque, ma anche di uomini – padri, mariti, fidanzati, amici – interrotte da voci senza corpo che impediscono a chi parla di raccontare la propria esperienza. 

“Abbiamo detto più volte che l’endometriosi è una malattia invisibile, una malattia difficile da comprendere per chi non ne è vittima e che genera spesso giudizi superficiali o veri e propri pregiudizi e comportamenti discriminatori – afferma Pietro Giulio Signorile, presidente della Fie – Le donne che soffrono di endometriosi spesso sono penalizzate due volte: dalla malattia e dal contesto socio-culturale. Per questo è importante diffondere quanto più possibile la conoscenza di questa malattia, sostenere la ricerca con il 5×1000 e invitare le istituzioni a effettuare azioni concrete a sostegno delle donne che devono convivere con questa invisibile patologia invalidante, per cui ad oggi non ci sono cure, ma solo terapie”. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Epatite acuta bambini, Bassetti: "Casi preoccupano, escluderei Covid e vaccini"

Articolo successivo

Epatite acuta, per bambino di Prato 'sintomi respiratori' prima di malattia

Articoli correlati
P