Quirinale, costituzionalista Celotto: “Assenza 5-10 parlamentari non danneggia voto”

”Il voto a distanza non è vietato ma è fortemente inopportuno, non abbiamo precedenti nel voto parlamentare. Nel 2020, in pieno lockdown, ci fu una discussione su questo ma non si arrivò a nulla. Ci sono problemi di privacy e tracciabilità, mi sembra una soluzione difficile”. Lo dice all’Adnkronos il costituzionalista Alfonso Celotto in merito all’impatto del Covid sull’elezione del nuovo presidente della Repubblica.  


Quanto all’allarme sulle possibili assenze di parlamentari non vaccinati che a causa dell’entrata in vigore del super green pass sui trasporti non potranno raggiungere Roma, Celotto ridimensiona. ”Per votare serve un numero legale, è importante che ci siano 500 e rotti elettori, l’assenza quindi di 5-10 parlamentari non danneggia in alcun modo il voto. Il problema vero si porrebbe se scoppiasse un cluster in un partito. Se ci fosse un focolaio, con 200 parlamentari coinvolti, allora sì che si potrebbe squilibrare la rappresentanza politica, il pieno pluralismo. A quel punto sarebbe opportuno un rinvio del voto. C’è una soglia della reale rappresentatività che verrà valutata il 24 gennaio”. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid oggi Emilia Romagna, 14.901 contagi e 27 morti: bollettino 8 gennaio

Articolo successivo

Pregliasco: "Lockdown insostenibile, chiusure chirurgiche da valutare"

Articoli correlati
P