Downing Street, spunta un altro party durante lockdown

I dipendenti di Downing Street hanno partecipato a un’altra festa in pieno lockdown, il 16 aprile scorso, con tanto di alcol e musica ad alto volume. E questo il giorno prima che la regina Elisabetta piangesse da sola la morte del principe Filippo al suo funerale, perché il lockdown imposto dalle autorità britanniche non permettevano la partecipazione alla funzione religiosa nella cappella privata del Castello di Windsor. Lo rileva il Daily Telegraph, spiegando che all’evento organizzato a Downing Street e nel giardino hanno partecipato una trentina di persone. Tra loro non era presente il primo ministro Boris Johnson, che era invece andato nella residenza di campagna a Chequers. 


Le regole in vigore in quel periodo permettevano che fino a sei persone o due famiglie potessero incontrarsi all’esterno, mentre all’interno le persone potevano solo socializzare con la propria famiglia o rispettare le regole della ‘bolla’. 

L’ex portavoce ed ex direttore della comunicazione del premier britannico, James Slack, si è scusato per il party. In una nota questa mattina, Slack ha detto di volersi ”scusare senza riserve per la rabbia e il dolore causati”. “Quell’evento non avrebbe dovuto esserci in quel momento. Sono profondamente dispiaciuto e mi assumo la piena responsabilità”, ha detto Slack, che l’anno scorso ha lasciato Downing Street per diventare vicedirettore del quotidiano The Sun. 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid, mascherine Ffp2 rosa a Polizia. Sindacato: "Indecoroso"

Articolo successivo

Gioco, quali sono le slot più cercate online?

Articoli correlati
P