Dl sostegni 2022, verso rinvio a settimana prossima

C’è ancora chi crede si chiuda in settimana. Ma dal Mef sostengono che il dl sostegni ter, per ‘ristorare’ i settori più colpiti dalla nuova ondata spinta dalla variante Omicron, slitti alla settimana prossima: “Non ce la facciamo a chiudere prima”, dice all’Adnkronos una fonte di primo livello. La dote, stando alle stime attuali, dovrebbe aggirarsi sui due miliardi, per rispondere alle richieste dei comparti più colpiti: il turismo in capo alla lista, ma anche le discoteche costrette alle chiusure fino al 31 gennaio, notte di Capodanno compresa. Per loro, si prospetta un intervento contenuto e senza un nuovo scostamento di bilancio all’orizzonte. Le risorse arriveranno da risparmi di spesa e sembrerebbero ben distanti dalle richieste che si levano dai partiti, in primis M5S e Lega.  

Il Carroccio, in particolare, chiede si intervenga con un nuovo scostamento di bilancio, corposo, per fare fronte alle esigenze dei comparti più in affanno e ai rincari delle bollette che rischiano di affondare famiglie e imprese. Oggi tra il premier Mario Draghi e il leader della Lega, Matteo Salvini, c’è stato un breve scambio in Senato. Lasciando l’Aula dove è arrivato per commemorare David Sassoli, il premier si è imbattuto nel capo politico della Lega e i due si sono fermati a parlare per pochi minuti. In serata da fonti del partito di via Bellerio è trapelato che, nel rapido confronto, Draghi e Salvini si sono ripromessi di vedersi a breve per discutere, tra le altre cose, di caro energia. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sanremo 2022, Sabrina Ferilli e Ornella Muti tra partner di Amadeus

Articolo successivo

Pa, Inps: ecco risultati sistemazione posizioni assicurative lavoratori min. Giustizia e Istruzione

Articoli correlati
P