Covid, Remuzzi: “Con Omicron e Delta abbiamo due pandemie”

“In un certo senso abbiamo ‘due pandemie’: una sostenuta da Omicron e l’altra ancora da Delta. Non dobbiamo dimenticare che molti pazienti in terapia intensiva hanno contratto la Delta, che ha continuato a espandersi anche nelle ultime settimane”. Lo dice al Corriere della Sera Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, aggiungendo che “anche all’interno degli ospedali ci sono ‘due pandemie’: una dei vaccinati e una dei non vaccinati. Come si vede dai grafici dell’Istituto superiore di sanità (Iss) che misurano l’incidenza dei ricoveri ogni 100mila abitanti divisa per status vaccinale e classe di età, l’essere vaccinati protegge in un modo importantissimo. Con la terza dose finiscono in terapia intensiva solo persone anziane che hanno altri tipi di malattie associate. La percentuale di non vaccinati in ospedale è altissima, se tutti fossimo vaccinati non ci sarebbe alcun problema di saturazione dei posti letto”. 

In merito alle prossime due settimane, prosegue Remuzzi, “se le due varianti dovessero continuare a coesistere, questo potrebbe rappresentare un problema. Se invece Omicron riuscisse a sopraffare Delta, dal momento che la malattia che provoca è meno severa, allora forse riusciremo a vedere la discesa della curva nel giro di qualche settimana. Un’espansione rapidissima di Omicron che sovrasti Delta non sarebbe in sé una cattiva notizia. Con una variante così contagiosa si dovrebbe arrivare prima al picco della curva dei nuovi positivi; allo stesso modo, come già successo in Sudafrica e Gran Bretagna, dovrebbe essere più veloce anche il calo, ma se vogliamo parlare di fine della pandemia credo che dovremo ancora prendere delle precauzioni almeno per un paio d’anni”. 

L’immunità di gregge resta una chimera secondo Remuzzi: “Se anche arrivassimo al 95% tra vaccinati e guariti, resterebbero da considerare le mutazioni del virus (che non si fermano) e la circolazione delle persone (che continua). Potremmo però parlare di una ‘via d’uscita dalla pandemia’, quasi una ‘sorta di immunità di gregge’. Quanto alla crescita dei contagi legata all’insegnamento in presenza, la scuola è rimasta chiusa per tanto tempo e i contagi hanno continuato ad aumentare: credo che il contributo degli studenti sia davvero irrilevante con una variante che si diffonde con tale velocità”.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid oggi Toscana, 5.790 contagi: bollettino 10 gennaio

Articolo successivo

Trovato morto Bob Saget, l'attore comico aveva 65 anni

Articoli correlati
P