Andreoni: “Deltacron non sorprende, possibile riassortimento virus”

La scoperta a Cipro di Deltacron, ovvero il mix tra varianti Delta e Omicron, “è un evento possibile e atteso, le varianti emerse recentemente possono aver aggiunto alcune mutazioni e quindi l’unione di Delta con Omicron non è sorprendente. In virologa esiste il riassortimento dei virus per formarne uno completamente nuovo, i coronavirus possono farlo. Deltacron potrebbe essere un nuovo virus che ha messo insieme mutazioni vecchie e nuove o un riassortimento virale. Servono più elementi però, non sappiamo quasi nulla di Deltacron e al momento è impossibile dire se sarà dominante e con quali sono le caratteristiche”. Lo sottolinea all’Adnkronos Salute Massimo Andreoni, primario di infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit).  


Secondo Andreoni, Deltacron “deve essere un monito” perché “lasciare circolare il virus vuol dire creare nuove varianti e vivere nell’attesa spasmodica di capire se saranno pericolose”.  

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Da multiutility a Life Company, la nuova visione di A2A

Articolo successivo

Scuola, Cnr: "Non è luogo contagio, breve rinvio inutile"

Articoli correlati
P