Michael Sorriso presenta il singolo Pianoforti. L’interivsta

Il rapper torinese Michael Sorriso, firmato da Dogozilla e Sony Music, ha da poco lanciato il nuovo singolo Pianoforti. Un brano inedito che arriva dopo una serie di pubblicazioni che hanno permesso agli addetti ai lavori e alla critica di notare questo giovane talento e portarlo a collaborare con gli artisti, gli autori e produttori più apprezzati del genere.


Siamo ormai a fine anno, tempo di bilanci. Per te un 2021 che è stato un anno di mutazione, ma anche di nuove sfide

“Assolutamente sì. Il mio primo approccio alla musica da professionista e poi in un periodo decisamente particolare, dove tutte le cose vanno a rallentatore, il tempo è un concetto diventato molto relativo. Un insieme di emozioni contrastanti, dalla felicità per la gioia dell’uscita con un etichetta importante, al contempo anche però la situazione molto difficile dei live e quindi tutte le limitazioni del caso, sia a livello promozionale, che a livello proprio di poter svolgere quello che preferisco, che è la parte live.”

Cosa vuol dire far musica ai tempi del Covid?

Sicuramente è un ottimo mezzo di evasione. Anche nel primo lockdown sono uno di quelli che l’ha sfruttata in modo molto positivo, nel senso che mi sono rifugiato a tempo pieno nella scrittura. Una cosa che non stavo facendo in maniera così costante per mille motivi nel periodo precedente e quindi sono riuscito ad accumulare un sacco di materiale che adesso potrò utilizzare. Da quel punto di vista è stata funzionale, poi chiaramente di necessità virtù. Sarebbe stato meglio scrivere in un contesto normale, diciamo, ecco.”

Nel frattempo è uscita la tua ultima hit che è “Pianoforti”. Come nasce questa canzone?

Beh questa canzone nasce a livello autorale un sacco di anni fa, nel senso che l’ho scritta intorno al 2016 e nasce dall’incontro fortuito con quella che è stata il mio primo amore, la mia prima ragazza con cui ho avuto una relazione passionale, intensa.

La canzone vera e propria però poi prende forma l’anno scorso con la mia conoscenza fatta con Danny Bronzini, chitarrista e produttore che mi ha fatto sentire la base che poi è rimasta più o meno quella finale e avendo questo testo da parte, l’ho provato sulla base e calzava proprio a pennello. Ho avuto modo di tirarla fuori dal cassetto e finalmente utilizzarla e poterla far uscire.

Cosa ci sarà nel tuo futuro?

Sicuramente un disco, è in lavorazione. Spero che possa uscire agli inizi del prossimo anno: dobbiamo ancora capire quale sarà il periodo più adatto per farlo uscire, però il disco è praticamente pronto.

Total
1
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Variante Omicron, obbligo vaccino e terza dose: il punto

Articolo successivo

Covid Germania, pazienti verranno trasferiti anche in Italia

Articoli correlati
P