Berlusconi al Quirinale? Calenda: “‘Arrivacce’ come lui, ma dividerebbe Paese”

“Non sono favorevole” a Berlusconi presidente della Repubblica. Lo ha detto Carlo Calenda a Agorà spiegando: “Berlusconi sta lottando come un leone, è apprezzabile. Ma è legato a una stagione molto divisiva della Repubblica, noi dobbiamo eleggere un presidente in grado di parlare a tutti. Questo vale anche per una figura molto estrema dell’altra parte”.  

Andrebbe bene la Casellati? “Certo -ha risposto il leader di Azione-. Purchè siano persone europeiste, che si riconoscono nelle democrazie liberali. Berlusconi ha queste caratteristiche, però è anche vero che è stato per 30 anni ‘front man’ di uno sconto, di una guerra civile a bassa intensità che ha portato il Paese al declino, non per responsabilità sua. E’ difficile che possa rappresentare tutto il Paese”.  

L’elezione di Berlusconi, secondo Calenda, “non sarebbe una pacificazione, la metà del Paese non si riconoscerebbe in questa figura, comincerebbe a manifestarlo e anche l’autoreovlezza di una istituzione mai messa in discussione verrebbe messa in discussione. Poi Berlusconi è un leone, ‘arrivacce’ alla sua età che vuole fare il presidente della Repubblica, eppure parecchio, è eccezionale”. 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid Gb e variante Omicron, "di questo passo 1 milione di contagi a fine mese"

Articolo successivo

Eutanasia, arriva in aula alla Camera proposta legge su fine vita

Articoli correlati
P