Variante Omicron, Sileri: “Verso nuove restrizioni con Ue”

Con la scoperta della variante Omicron del covid si va verso nuove restrizioni e strategie di contenimento a livello europeo. Lo dice in un’intervista alla Stampa il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, dopo il primo caso di nuova variante in Italia su un uomo di rientro dall’Africa. “Valuteremo nelle prossime 24-48 ore una strategia di contenimento a livello europeo. Fino a quando la presenza dell’Omicron era confinata a quelle regioni africane, la scelta giusta era bloccare i voli da quei Paesi. Ora invece servono decisioni comunitarie per nuove restrizioni”. Sileri chiarisce che “si potrebbe reintrodurre l’obbligo di doppio tampone all’ingresso e di quarantena, ma solo per chi viene da Paesi in cui si registrano focolai, non casi singoli. Dobbiamo capire anche un’altra cosa: sappiamo che l’Omicron viene riconosciuta dai tamponi molecolari, ma non siamo ancora certi che gli antigenici abbiano la stessa efficacia. Nel caso, sarebbe un problema”. 


“La chiave – aggiunge – sarà capire quanto proteggono i vaccini, ma era ingenuo pensare che questa variante non potesse arrivare in Italia. Era solo questione di tempo”. Secondo il sottosegretario la Omicron “potrebbe essere una variante che contagia di più, ma che non elude i vaccini. In questo caso, porterebbe solo la necessità di avere più vaccinati. Se invece li elude, sarà un problema serio. Dovremo rivedere anche le terapie con gli anticorpi monoclonali”. Quando sapremo se è pericolosa? “Nel giro di una settimana. Ora sappiamo solo che in Sudafrica c’è stato un aumento del 356% dei casi in una settimana. Se tra i loro ricoverati ci saranno anche dei vaccinati, avremo un indizio indiretto della minore o nulla efficacia di questi vaccini. Nel caso, dovremo aspettare 3 mesi per riprogrammare i vaccini, ma è verosimile che un certo grado di protezione ci sia”.  

“La cosa importante adesso è non fare passi indietro. Se però l’Omicron non elude i vaccini, quel percorso – spiega – proseguirà come previsto, serviranno solo più vaccinati”, ribadendo che “la terza dose va fatta. L’errore più grave sarebbe aspettare gli ipotetici vaccini per l’Omicron, perché la variante che ora circola qui è la Delta plus. Senza terza dose, in piena quarta ondata, rischieremmo di essere travolti dalla Delta, ancora prima che dall’Omicron”. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Mascherina all'aperto, obbligo a Firenze dal 4 dicembre

Articolo successivo

Variante Omicron, Lamorgese: "Terza dose ancora più importante"

Articoli correlati
P