Tavi, Poliambulanza Brescia unico centro italiano in studio europeo

La Fondazione Poliambulanza di Brescia, con il suo ‘Valve Team’, composto da cardiochirurghi e cardiologi interventisti, è il primo centro in Italia ad aver preso parte a uno studio clinico internazionale – che ha coinvolto 15 ospedali in Europa – e che segna un significativo passo in avanti nel trattamento mini-invasivo della stenosi della valvola aortica, una delle malattie più comuni delle valvole cardiache che colpisce in Italia circa il 3% della popolazione oltre i 75 anni. Si tratta dello studio ‘Optimize Pro’, promosso da Medtronic, azienda specializzata nell’HealthCare Technology, che prevede l’impiego di una tecnica procedurale innovativa per l’esecuzione di interventi Tavi (Transcatheter aortic valve implantation – impianto valvolare aortico transcatetere), che ha portato a un evidente miglioramento degli esiti clinici.  


Le novità dello studio – riferisce una nota – riguardano la modalità di posizionamento della valvola aortica transcatetere Tavi, l’utilizzo degli smart glasses durante la procedura, nonché la valutazione di innovativi protocolli relativi alla gestione dei pazienti sottoposti a Tavi. Ad effettuare questo trattamento di ultima generazione è stato Diego Maffeo, responsabile dell’Uo di Emodinamica della Fondazione Poliambulanza di Brescia con l’equipe composta da Matteo Saccocci e Luca Bettari. L’intervento è stato osservato e guidato da remoto dal coordinatore dello studio, Douglas Fraser dell’ospedale Manchester Royal Infirmary, grazie all’utilizzo dell’innovativa tecnologia degli smart glasses: occhiali interattivi muniti di videocamera, auricolari, microfono e visualizzatore di contenuti multimediali, che permettono di condividere lo stesso campo visivo del medico che sta effettuando l’intervento. 

Si prevede che l’applicazione di questa nuova modalità di posizionamento, insieme al monitoraggio da remoto di eventuali disturbi del ritmo cardiaco – conclude la nota – possano portare a una riduzione dei giorni di degenza e a un efficientamento del percorso di cura, con un beneficio duplice, sia per il paziente, sia per il Servizio sanitario nazionale.  

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Bimba nata in Ucraina, legali genitori: "Nessun abbandono"

Articolo successivo

Usa, arrestato Steve Bannon: si è consegnato a Fbi

Articoli correlati
P