Piace ai grandi come ai piccini: il salmone norvegese diventa protagonista fondamentale nell’alimentazione di tutta la famiglia per le sue proprietà e caratteristiche uniche

Con l’arrivo dell’inverno, per gli oltre 8 milioni di studenti che sono tornati sui banchi di scuola è ancora più essenziale seguire una dieta ricca, ma soprattutto sana ed equilibrata
 


Il salmone norvegese, grazie alla consistente quantità di Omega 3, migliora le abilità cognitive e di apprendimento e supporta i bambini in tutte le fasi della crescita
 

Milano, 22 Novembre 2021 – Mangiare pesce è importante per una crescita e uno sviluppo armonico. Sta arrivando il periodo più freddo dell’anno e per i bambini e gli adolescenti diventa ancora più importante seguire un’alimentazione ricca, ma soprattutto sana ed equilibrata, capace di supportarli nello studio, nelle attività ludiche e sportive e accompagnarli in tutte le fasi della crescita.  

Tra le diverse varietà di pesce, il salmone norvegese, in particolare, rappresenta un alimento essenziale per gli oltre 8 milioni di studenti che da settembre sono tornati sui banchi di scuola. Il suo apporto nutritivo è, infatti, perfettamente in linea con le esigenze dell’alimentazione dei più piccoli: povero in grassi saturi, ma ricco di acidi grassi polinsaturi Omega-3. Rivestono, inoltre, un ruolo importante poiché sono composti che l’organismo non è in grado di produrre in modo ottimale e che è quindi necessario introdurre con il cibo, in particolare con il pesce. 

Gli Omega 3, in particolare, sono acidi grassi con una struttura molecolare piuttosto complessa, dotati di una nutrita serie di effetti favorevoli sul nostro organismo: oltre ad avere una funzione antinfiammatoria, neutralizzare alcuni tipi di cellule tumorali, migliorare la circolazione sanguigna e contribuire alla funzionalità del sistema cardiovascolare, nei bambini favoriscono lo sviluppo di intelligenza e la capacità di concentrazione, e negli adolescenti migliorano l’apprendimento, la memoria e la concentrazione. Favoriscono anche il buonumore! 

“Il salmone norvegese è un ingrediente ricco di proprietà nutritive, fondamentale quindi per l’alimentazione dei più piccoli. È anche molto versatile in cucina e per questo è possibile cucinarlo in tanti modi, accontentando così il gusto di tutti, anche dei bambini, senza rinunciare alla salvaguardia della propria salute. – afferma Marco Bianchi food mentor e divulgatore scientifico – Il salmone norvegese è un pesce ricco di acidi grassi omega-3, di cui hanno molto bisogno i bambini per lo sviluppo di cervello, nervi e occhi. Quando si passa dal latte materno, o artificiale, al cibo solido, la maggior parte di loro non ne assume abbastanza, inoltre le abitudini alimentari mostrano che il consumo di pesce in molti casi, sia tra gli adulti che tra i bambini, non sempre è sufficiente. Quindi è importante dare il buon esempio da subito, educando i più piccoli a consumare pesce più regolarmente e il salmone norvegese, oltre ad essere ricco delle proprietà di cui sopra, è importante anche per la prevenzione di malattie coronariche. Ricordatevi che prevenire e seguire una dieta sana fin da piccoli senza rinunciare al divertimento in cucina, si può!”. 

Per una corretta alimentazione è importante sottolineare che un consumo adeguato di pesce è consigliabile in qualsiasi età, mangiandolo almeno 2 volte alla settimana. Questo perché il salmone norvegese contiene anche proteine nobili, sali minerali e notevoli quantità di vitamine A, D e B12, essenziali per lo sviluppo dell’apparato scheletrico nei bambini e per rinforzare il sistema nervoso e visivo. Una vera miniera di salute e nutrienti, i quali rendono il salmone un elemento insostituibile nella dieta settimanale durante tutto il periodo di crescita.  

Ma come far mangiare il salmone ai più piccoli? Il salmone norvegese, oltre ad essere sano è anche gustoso e versatile e può essere cucinato in tanti modi – al vapore, al forno, grigliato – così da accontentare proprio tutti i palati anche quelli più esigenti e difficili di bambini e ragazzi di tutte le età. È, inoltre, facile da cucinare: con l’aggiunta di pochi altri ingredienti i genitori possono preparare un primo o un secondo piatto facile, ma sempre sano e appetitoso! 

Da sottolineare anche l’importanza di scegliere un alimento sano, sostenibile e di qualità, soprattutto quando si parla di bambini. Grazie al marchio “Seafood From Norway” che rappresenta il simbolo di origine e qualità di tutti i prodotti ittici norvegesi, compreso naturalmente il salmone norvegese, per il consumatore è facile acquistare prodotti sicuri e di qualità, pescati e allevati in maniera sostenibile nelle acque fredde della Norvegia. 

Scopri tutte le ricette sul sito: https://pescenorvegese.it/
 

Il Norwegian Seafood Council è una società pubblica di proprietà del Ministero del Commercio, dell’Industria e della Pesca e collabora con i settori con i settori della pesca e dell’acquacoltura in Norvegia per sviluppare i mercati dei prodotti ittici norvegesi. Il Seafood Council ha sede a Tromsø e conta dodici rappresentanti locali nei più importanti mercati internazionali della Norvegia. L’attività di NSC è volta ad aumentare il valore dei prodotti ittici norvegesi tramite il costante lavoro di promozione, sviluppo, preparazione e reputazione del mercato in diversi paesi di tutto il mondo. Inoltre, lavora per identificare opportunità per i prodotti ittici norvegesi nei nuovi e nei mercati già esistenti 

Contatti per la stampa
 

Omnicom PR Group
 

Via Leto Pomponio, 3/5 – 20146 Milano 

Sonia Silvani: +39 348 4848208 

Valentina Rizzotti: +39 338 5713982 

Sante Di Giannantonio: +39 3313394109 

E-mail: italy.nsc@omnicomprgroup.com
 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Pa, Csel: "Comuni in affanno su digitalizzazione, servizi e-government usati da 36% cittadini"

Articolo successivo

L’oncologia territoriale per essere più vicino alla casa del paziente, ma il territorio è pronto in tutte le regioni?

Articoli correlati
P