Passero (Alleanza Assicurazioni): “Vogliamo rendere popolare assicurazione su salute”

“Nel corso degli anni gli italiani hanno fatto un ricorso crescente alla sanità privata, spendono ogni anno 35 miliardi di euro per curarsi pagando di tasca propria e spesso attingendo ai risparmi di una vita se non addirittura arrivando a chiedere un prestito. Questo succede perché in Italia la copertura assicurativa sanitaria non è così diffusa come negli altri Paesi europei, l’incidenza dei premi di assicurazione della salute sul pil è attorno all’1% mentre la media europea è del 2,8%. Gli italiani sono scoperti sotto questo punto di vista e quando capitano patologie gravi o di alta diagnostica devono pagare di tasca propria”. Così Davide Passero, Amministratore Delegato di Alleanza Assicurazioni, a margine dell’incontro dal titolo “La salute accessibile a tutti”, durante il quale è stata presentata WSalute, la nuova offerta basata su più prevenzione, assistenza e cura per rendere la salute più accessibile a tutti. 


“WSalute è una soluzione assicurativa di nuova generazione che risponde a un’esigenza sempre più presente, cioè quella di poter accedere a servizi di cura privati – prosegue Passero – Vogliamo contribuire a rendere popolare l’assicurazione sulla salute perché è un tema importante su cui la popolazione mostra sempre più interesse”.  

Una nuova soluzione di investimento che arriva in un anno già positivo per Alleanza Assicurazioni: “Il 2021 ci sta dando soddisfazioni – conclude Passero – abbiamo chiuso il 2020 con 5,6 miliardi di fatturato e quest’anno stiamo crescendo del 13% contro un mercato che cresce del 7%. Siamo soddisfatti soprattutto perché all’interno di questo fatturato il segmento della protezione della salute è in particolare crescita. Avevamo chiuso il 2020 con 200 milioni di premi e quest’anno siamo in crescita del 35%”. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

L’Oréal, nel nuovo contratto integrativo aziendale accelerazione su welfare

Articolo successivo

Legge elettorale, Mirabelli (ex Consulta): "Riforma inopportuna, punterebbe a convenienza partiti"

Articoli correlati
P