I brand di birra più gettonati in Italia

Gli italiani sono da sempre amanti delle cose buone da mangiare e da bere.


In questo possiamo dire che non abbiamo davvero rivali quanto a buongusto nella scelta delle migliori vivande e bevande.

E, tra le bevande alcoliche più consumate in Italia c’è senza dubbio la birra. Chiara o rossa, filtrata o non filtrata, la birra è sempre presente tra i gusti degli italiani.

Sebbene in Italia ci sia una vasta produzione, seppur localizzata, di birre artigianali, le birre su larga scala rimangono quelle più apprezzate.

Tuttavia, da buoni campanilisti, prediligiamo in ogni caso consumare birre prodotte sul nostro territorio ove possibile, anche se non disdegniamo delle divagazioni con birre di provenienza estera.

Difatti la birra è una di quelle bevande che prevede gusti molto soggettivi, e tra un brand di birra e l’altro possono esserci differenze anche consistenti per quanto riguarda il gusto e il tasso alcolico in primis.

Vediamo quindi quali sono i brand di birra più gettonati in Italia, facendoci strada nei gusti dei nostri conterranei.

Poretti

Una delle birre che vengono consumate più volentieri è l’italica Poretti. Dalle più classiche 4 Luppoli o 5 Luppoli, il Marchio propone tante altre varianti più particolari e che risultano anche abbinabili a tavola con differenti tipologie di portate, non quindi come semplice aperitivo o bevanda da serata in compagnia. Una birra che è facile trovare un po’ dappertutto e che sa davvero accontentare i gusti di molti, come confermato dal suo grande successo ed apprezzamento. La più apprezzata rimane la 4 Luppoli, che con il quarto luppolo offre un sapore più ricco e offre una schiuma più persistente.

Corona

Forte del buon feedback oltreoceano, e spesso in bella evidenza in film di successo come la saga di “Fast & Furious”, anche in Italia risulta essere un brand di birra molto consumato. La sua particolare colorazione molto chiara, unito al suo sapore non eccessivamente forte la rendono molto apprezzata, magari consumata con la fetta di limone o lime infilata direttamente nel collo della bottiglia. A dare ulteriore spinta al suo essere apprezzata, la concentrazione alcolica leggermente inferiore alla media delle birre più famose, il che la rende ancora più apprezzata nelle uscite con amici.

Peroni

Altra birra tipicamente italiana e che da sempre è nel cuore di tutti, la birra Peroni continua a riscuotere molto successo. La sua composizione lager, a bassa fermentazione, la rendono senza ombra di dubbio molto apprezzata, In particolar modo per il suo sapore leggermente amaro ed equilibrato. Anche in questo caso la percentuale alcolica piuttosto bassa sono un punto ulteriore che ne hanno determinato il grande successo.

Beck’s

Altra birra che in Italia va per la maggiore è la birra Beck’s. Di origine tedesca, dove di birra se ne intendono piuttosto bene, oltre che essere molto apprezzata in Italia, è una delle più consumate al mondo. Anche in questo caso siamo di fronte ad una lager, dunque a bassa fermentazione. Nonostante questo, viene spesso definita una pilsner per tipologia. Il suo sapore infatti è piuttosto delicato, con un sapore luppolato che si potrebbe definire elegante. Ha un leggerissimo gusto amarognolo.

Moretti

Ennesima birra di produzione italiana che trova parecchi riscontri positivi tra i consumatori. Si tratta di una birra ottenuta a partire da una miscela di luppoli pregiati, e si caratterizza per un sapore gradevole e finemente amaro e bilanciato. Inoltre, è caratterizzata da note floreali e da un iniziale profumo che ricorda il malto d’orzo. Oltre alla classica esistono altre varianti, anch’esse molto consumate e di conseguenza apprezzate.

Heineken

A ulteriore conferma della predilezione degli italiani per le lager, anche Heineken è uno dei brand che va per la maggiore. Anch’essa di produzione tedesca, si presenta con un gusto pulito. A base di malto d’orzo e luppolo, si distingue per un colore giallo oro, con una schiuma non troppo persistente. I suoi profumi sono prettamente vegetali, con naturale profumo di luppolo che spicca sugli altri. AL gusto risulta dolce e fresca, con un lieve aroma di tabacco e un accenno floreale. Solo successivamente arriva l’aroma più deciso del luppolo.

Ichnusa

Birra tipicamente sarda, è da qualche tempo molto presente tra i gusti degli italiani. Sul mercato se ne trovano principalmente di due tipi: la classica e la non filtrata. Anche in questo caso siamo di fronte ad una birra di tipologia lager. La più gettonata rimane comunque la classica. La sua composizione è piuttosto semplice: acqua, malto d’orzo, granoturco e ovviamente luppolo. Si presenta alla vista con un colore giallo limpido, con una schiuma compatta ma non persistente. Di medio corpo, è anche leggermente frizzante. Per quanto riguarda l’aroma, il sentore di luppolo si presenta leggero, il quale le conferisce a sua volta un sapore leggermente amaro. In più, come molte altre lager, da una buona sensazione dissetante. Oltre ad essere consumata in compagnia, si presta bene anche consumata a tavola con prodotti saporiti e anche piccanti.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Costo Internet Casa in ribasso fino al 7%

Articolo successivo

Rivoluzione green e autonomia energetica per tutte le scuole di Fiumicino, grazie alla partnership tra il Comune ed ENGIE

Articoli correlati
P