Giustizia, Mattarella: “Logiche corporative deprimono figura magistrato”

“Le logiche corporative deprimono la figura del magistrato”, cui sono richieste rispetto dell'”etica pubblica e assenza di autoreferenzialità”. Lo ha affermato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, incontrando al Quirinale i referendari di nuova nomina della Corte dei Conti. 


“Fronteggiare la pandemia e sostenere la ripresa hanno comportato l’impiego di risorse ingenti, determinando un incremento significativo del debito pubblico, reso possibile dalle scelte di politica monetaria della Banca centrale europea e dalla sospensione del Patto di stabilità. La crescita del debito pubblico richiede un supplemento di responsabilità nella gestione della finanza pubblica e un utilizzo delle risorse mirato alla crescita economica”, ha aggiunto. 

“Già a partire da quest’anno -ha poi ricordato il Capo dello Stato- i documenti di finanza pubblica indicano l’obiettivo di una riduzione del debito pubblico, obiettivo ineludibile se intendiamo rendere la ripresa stabile e duratura”. 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid oggi Lombardia, 1.668 contagi e 7 morti. A Milano 659 casi

Articolo successivo

Covid, medico negazionista: "Sarò l'ultimo a vaccinarmi"

Articoli correlati
P