Fedez contro tutti con ‘Disumano’: attacchi a Renzi, Meloni e Lega

Nei giorni scorsi Fedez scherzava con la moglie sulle querele che il nuovo album gli avrebbe provocato e forse per questo, scaramanticamente, il pezzo-invettiva di ‘Disumano’, uscito stanotte all’una e presentato in una diretta Instagram casalinga dai Ferragnez, si intitola ‘Un Giorno in Pretura’ e ne ha per tutti, da Matteo Renzi a Giorgia Meloni, alla Lega.  


Non a caso il brano inizia con un intro letto da Giuseppe Cruciani: “Tutti i personaggi e gli eventi di questa canzone sono del tutto immaginari. La seguente canzone contiene un linguaggio scurrile. E per il suo contenuto non dovrebbe essere ascoltata da nessuno”. Poi la citazione del renziano “first reaction: shock”, quindi l’affondo di Fedez sul leader di Italia Viva: “Io e mia mia moglie siam tutti esauriti, tutti i desideri esauditi. Come Renzi quando si è preso ottantamila petroldollari sauditi (Ahi!)”. E ancora: “Un ex-premier che fa complimenti sotto dettatura, a una cazzo di dittatura. Che cattura e taglia la testa ai gay perché contro natura (Rinascimento)”.  

Nel testo, in cui Fedez ricorda sia Giulio Regeni che Federico Aldrovandi e dedica un passaggio ironico ad Andrea Bocelli e alle sue performance a margine di assemblee dell’Onu e dell’Unesco (“Bocelli è come portare lo spumante se ti invitano a cena (Buonasera, buonasera)/L’unica differenza tra lo spumante ed Andrea/E’ che Andrea, va ad un’assemblea, che è una messa in scena/Dove si grida: ‘Bill Gates è un’aliena, che ci spara il 5G in vena'”.  

Poi il passaggio sulla Meloni: “Quanto m’hanno rotto il c-Amazon/Voi lo arricchite sto Amazon/Io mi faccio arricchire da Amazon/La Meloni che grida: “Allo scandalo, boicottate la mafia di Amazon, e comprate il mio libro ‘Io sono Giorgia’. ‘Oddio ma è primo su Amazon!'”, recita il brano. Infine la Lega e la ‘legittima difesa’: “E pensare che l’eutanasia in Italia sembrava una cosa utopistica. Quando per morire ti basta dare un pugno in faccia ad un assessore leghista”.  

Non manca, nel brano ‘La cassa spinge 2021’, il riferimento al Codacons e agli infiniti contenziosi con il rapper: “Sono veramente euforico, non mi ha ancora querelato il Codacons”, canta il rapper nel brano realizzato con Crookers, Myss Keta, Dargen D’Amico. Poi c’è l’annunciata e amorevole canzone ‘Vittoria’, dedicata alla figlia. Ma la track list riserva molte altre sorprese, quasi tutte all’insegna dell’osservazione critica di una società italiana dove il prezzo più alto lo pagano i più giovani. Così in ‘Fede e Speranza’, cantato da Fedez con il rapper Speranza, Federico sembra esortare i ragazzi (“Se non lotti per quello a cui tieni, non l’ottieni/Non si lasciano impronte indelebili, camminando in punta di piedi”, avverte Fedez, in un pezzo che ha diversi riferimenti autobiografici, per poi annotare, “per questo è fallito il sistema scolastico, perché è giurassico). In ‘Stupido Stupido’ (“Non è un paese per santi, per pazzi, per Craxi”) se la prende con il sistema: “Non si dovrebbe, la droga nelle felpe/Però nemmeno sberle ad uno che è già in manette, no/Non si dovrebbe lasciarlo in un call center/In debito per sempre/Non vedi che è solo un ventenne?”. E fa una battuta sull’ex socio J-Ax: “Siam davvero convinti che fossero amici/come ai tempi di J-Ax”. 

Poi in ‘Vecchio’ con Dargen D’Amico, Fedez fa un accenno anche alle polemiche seguite alla sua partecipazione al Concertone del Primo Maggio (“1 Maggio sono andato sul palco/il mio avvocato è Cristiano Ronaldo”) anche se il pezzo parla di crescita e responsabilità.  

Non mancano i sentimenti in brani come ‘Guarda cosa mi fai fare’, ‘Notte Brava’, ‘Le madri degli altri’ con Tananai, ‘Fuori dai guai’ con Cara e l’autobiografico ‘Mi sto sul cazzo’, che chiude l’album. A completare la tracklist sono poi i singoli che hanno anticipato questo album: ‘Morire Morire’, ‘Bella Storia’, ‘Sapore’ con Tedua, ‘Bimbi per strada’ (Children), ‘Meglio del cinema’, ‘Mille’ con Achille Lauro e Orietta Berti, ‘Problemi con tutti (Giuda)’ e ‘Chiamami per nome’ con Francesca Michielin. Oggi e domani, in occasione dell’uscita sulle piattaforme e nei negozi di dischi, Fedez incontrerà i fan a Milano e Roma per il rituale del ‘firmacopie’. Gli appuntamenti sono: oggi alle 17.30 a Milano presso Feltrinelli Red City Life all’interno del Citylife Shopping District, Piazza Tre Torri; e domani, 27 novembre, alle 14.00 a Roma presso Discoteca. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Variante covid Sudafrica, Andreoni: "Deve preoccuparci"

Articolo successivo

The Voice Senior 2021: la nuova edizione dal 26 novembre

Articoli correlati
P