EY Sme survey, ripensare il modello di business nel post pandemia

Nel nostro Paese ci sono 130.000 imprese con un numero di dipendenti compreso tra 10 e 49, 26.000 con un numero di impiegati compreso tra 50 e 249, oltre a circa 4 milioni di microimprese con meno di 10 dipendenti. Complessivamente, nelle pmi e microimprese sono impiegati l’80% dei lavoratori dipendenti italiani. Ma qual è lo stato di salute delle pmi? Un quadro della situazione emerge da EY Sme survey, un’indagine condotta a livello globale su un totale di 5.600 pmi, di cui 300 italiane, che rappresentano un campione rappresentativo del tessuto imprenditoriale del nostro Paese. Lo studio sottolinea i punti di forza e debolezza delle pmi in un momento di recessione economica, anche dovuta agli effetti della pandemia. L’indagine inoltre evidenzia l’importanza del rapporto tra pmi e operatori finanziari anche in ottica di opportunità per la gestione dei bisogni delle aziende.  


Le conseguenze maggiormente negative della pandemia si sono registrate in Italia. Se infatti dall’analisi dei dati di EY Sme survey emerge che a livello europeo il 74% delle pmi ha subito un impatto negativo dal Covid, il dato riferito all’Italia arriva al 90%. Le voci di bilancio delle pmi italiane più colpite sono state: diminuzione delle entrate 66% (contro una media europea del 55%), margine di profitto -64% (-52% a livello europeo), volume di vendita -60% (-51% a livello europeo). Molti settori hanno registrato un forte impatto sulla supply chain e oltre il 50% delle aziende oggetto dello studio ha dichiarato di aver avuto problemi di ricezione e spedizione di beni e servizi. 

Quali sono i motivi per cui la crisi economica ha maggiormente colpito il nostro Paese? Innanzitutto il fatto di essere stati i primi a imporre importanti misure restrittive con il lockdown generale a inizio pandemia. Il secondo fattore è una cronica mancanza di solidità economica delle pmi italiane. Il terzo fattore è il gap importante delle pmi italiane rispetto al livello di digitalizzazione che ha permesso ad alcune loro concorrenti straniere di limitare lo shock della pandemia con soluzioni digitali come l’e-commerce. 

Come in ogni grande periodo di transizione, come la pandemia globale, si sono aperte nuove opportunità. A livello italiano, oltre la metà delle pmi ha infatti iniziato a riconsiderare il modello di business al fine di mitigare gli effetti negativi portati dalla pandemia e riuscire a sopravvivere all’interno del proprio mercato di riferimento. In questo contesto per il sistema imprenditoriale del nostro Paese i più importanti fattori di sviluppo su cui puntare sono innovazione e internazionalizzazione, per crescere ed essere più competitivi a livello globale.  

Tra i modelli di new business evidenziati da EY Sme survey si segnala la nascita di Marketplace (+67%), piattaforme digitali dove poter presentare e vendere i propri prodotti e servizi parallelamente a quelli di altre aziende. Un dato che distingue le pmi italiane è quello relativo al rilancio del franchising (+133%), un modello di business che permette ai piccoli imprenditori di aderire a modelli di aziende più grandi che hanno maggiore forza sul mercato. Di grande attualità, specie per il settore dei servizi, il freemium, che consiste nell’offerta dei propri servizi tramite pacchetti base a cui aggiungere servizi personalizzati e su misura in modalità premium.  

Dopo i diversi provvedimenti emergenziali attuati dal governo per sostenere le imprese italiane durante l’emergenza sanitaria, ora è tempo di Recovery Fund, che fa parte del Pnrr. Complessivamente per il nostro Paese sono previsti fondi per 249 miliardi di euro, cifra che ci pone al primo posto in assoluto tra gli Stati che usufruiranno dei contributi Eu, suddivisi in diverse missioni: dalla digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo italiano (40,73 miliardi di euro) alla transizione ecologica e la cosidetta rivoluzione green (59,33 miliardi di euro) fino all’inclusione, coesione e lo sviluppo per le politiche del lavoro (19,81 miliardi di euro). Tutti temi molto importanti per la trasformazione delle aziende che vogliono prepararsi ad affrontare il futuro con successo e che diventano raggiungibili grazie al supporto che fornirà il Recovery Fund.  

In un momento di ripresa economica e in un contesto sempre più globale per le pmi diventa fondamentale il ruolo del partner finanziario di riferimento. Dall’indagine EY Sme survey emerge che nel panorama italiano le aziende puntano ancora molto sulle banche tradizionali dove l’elemento di contatto diretto tramite le filiali fisiche resta un elemento cruciale per il 66% delle pmi. Una tendenza che però convive con l’utilizzo anche di altri provider finanziari, per esempio fintech, richiesti soprattutto per servizi specifici. Il 73% delle pmi italiane si è infatti rivolto a più di un operatore finanziario. Un altro dato interessante che emerge riguarda il 42% delle pmi italiane intervistate che dichiara di voler cambiare fornitore di servizi finanziario, percentuale molto più alta della media europea che si attesta al 34%.  

Tra i criteri di scelta di un operatore finanziario, risultano prioritarie le tempistiche di finanziamento. Il 47% delle pmi italiane dichiara di aver bisogno dell’ok definitivo entro 7 giorni, rispetto al resto d’Europa dove i tempi medi sono di 3 giorni.  

Per incontrare le nuove esigenze delle pmi le banche dovrebbero rivedere il proprio modello di servizio considerando alcune tematiche centrali. Ruolo ancora più centrale del gestore di relazione, in grado di accompagnare le aziende in tutte le loro necessità grazie a una profonda e competenza e conoscenza del business. Velocità nella valutazione e concessione del credito per incontrare la necessità di tempestività richiesta (entro 7 giorni). Fluidità e maggiore linearità nei processi per garantire una migliore esperienza. E ancora: consulenza specializzata su temi connessi a sostenibilità ed esg, capacità di offrire servizi che vanno oltre l’ambito finanziario, ovvero porsi come partner in grado di gestire le funzioni non core dell’azienda, ad esempio i servizi legali, per permettere alla pmi di concentrarsi sul proprio business, possibilità di accedere ai servizi e ai prodotti attraverso un’unica piattaforma integrata, servizi sempre più personalizzati grazie all’uso intensivo dei dati, modelli di pricing basati sulla sottoscrizione di un’unica fee per un ampio panel di servizi. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Rubrica Lavoro del 13 ottobre realizzata in collaborazione con Cnr Media

Articolo successivo

Oracle for Research Introduces New Cloud Service and Awards to Accelerate Scientific Innovation

Articoli correlati
P