Europa League, Napoli ko 2-1 a Mosca con lo Spartak

Il Napoli perde 2-1 a Mosca con lo Spartak e deve rimandare l’appuntamento con la qualificazione ai sedicesimi di finale di Europa League. Gli azzurri si giocheranno la qualificazione al ‘Maradona’ tra 15 giorni quando ospiteranno il Leicester. Nella classifica del gruppo C i russi e i partenopei guidano con 7 punti, seguiti dal Legia Varsavia a 6 e dagli inglesi a 5. Domani i polacchi saranno ospiti del Leicester. 


La partita si mette subito in salita per i partenopei visto che dopo sessanta secondi Lobotka aggancia Promes in area di rigore. Per Turpin non ci sono dubbi e assegna la massima punizione per lo Spartak. Dal dischetto Sobolev supera Meret per il vantaggio della formazione russa. Il Napoli accusa il colpo e al decimo Moses calcia dal vertice destro dell’area chiamando la risposta in due tempi di Meret. 

La reazione partenopea arriva al quarto d’ora quando Mario Rui serve in area Elmas che in due occasioni chiama al miracolo da posizione ravvicinata Selikhov. Gli azzurri sfiorano il pareggio al 25’ con Zielinski che, imbeccato da Lozano, calcia in porta trovando la grande risposta di Selikhov con la mano di richiamo aperta. Gol sbagliato, gol subito. La legge del calcio è implacabile e colpisce il Napoli alla mezz’ora quando Moses salta Mario Rui e serve per Sobolev la palla del 2-0 che l’attaccante non sbaglia. 

Nella ripresa il Napoli parte con più decisione e dopo cinque minuti Di Lorenzo sfrutta una torre di Petagna e sigla il gol del 2-1 ma sul tocco dell’attaccante azzurro era in posizione irregolare e Turpin annulla. La squadra di Spalletti schiaccia lo Spartak nella sua trequarti ma sulla strada di Mertens, bella la conclusione di prima intenzione, c’è ancora Selikhov autore di gran parata. 

Il gol arriva al 19′ con Elmas, abile a raccogliere sul secondo palo un assist al bacio di Petagna e di testa spedire alle spalle di Selikhov. Il Napoli spinge con decisione e a dieci dalla fine Elmas trova un muro di maglie rosse di fronte a sé e nel finale sempre il macedone, in tuffo di testa, trova la risposta sicura da parte di Selikhov. Sipario. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Super green pass, Draghi: "Prudenza per difendere normalità"

Articolo successivo

Uccise il padre per difendere la madre, assolto: "Il fatto non costituisce reato"

Articoli correlati
P