Cosa fare e vedere a Tokyo

Tokyo è una città incredibile, moderna, tecnologica, ma allo stesso tempo ricca di storia e di tradizioni. Per conoscere a pieno la cultura giapponese e lo stile di vita dei cittadini è fondamentale vivere ogni esperienza, visitare i piccoli quartieri e non solo i monumenti o le attrazioni più popolari. Insomma, bisogna uscire dai panni del turista e sperimentare il più possibile.


Il quartiere storico di Ginza

Tra i primi quartieri da visitare assolutamente, non può non collocarsi Ginza; in questo distretto immerso nel lusso puoi dare inizio al tuo viaggio in Giappone. Si tratta del classico quartiere adatto soprattutto allo shopping, grazie alla presenza di boutique e marchi di alto livello. Ma qui l’atmosfera è diversa e speciale; la ricchezza, la modernità e la tecnologia si uniscono alla semplicità e alla tradizione, creando un connubio perfetto. Ciò si può notare, ad esempio, nella zona in cui fino al 2018 aveva luogo il Tsukiji Market, ovvero il mercato del pesce più grande al mondo. Attualmente è sostituito dal Toyosu Fish Market, ma il quartiere non cessa di essere circondato da ristoranti caratteristici, bancarelle e folle di turisti che si precipitano ad assaggiare specialità giapponesi di tutti i tipi, soprattutto prodotti ittici freschi e di alta qualità.
Per lo shopping si può visitare anche il quartiere Shinjuku, anch’esso impreziosito dalla presenza di grandi centri commerciali, boutique, magazzini, ristoranti e molto altro.

Il Palazzo della Sony

Gli amanti dell’innovazione tecnologica devono inserire nel proprio itinerario una breve sosta al Sony Building; 8 piani interamente dedicati al marchio, con un’esposizione degli ultimi prodotti tecnologici e quelli ancora in uscita, sia nel mondo occidentale che in quello orientale. Il tutto è contornato da esperienze sensoriali e guide riguardanti i vari prodotti, in modo da offrire ai visitatori una piena conoscenza delle loro caratteristiche tecniche.

Quartiere Akihabara per l’acquisto di gadget e prodotti tecnologici

Non finiscono qui le zone adatte agli amanti dell’elettronica: il quartiere Akihabara è un museo a cielo aperto del mondo della tecnologia e dell’innovazione, ma allo stesso tempo è possibile trovare e acquistare prodotti anche molto vecchi, o meglio dire, vintage. Fanno da sfondo i tantissimi negozi di vendita di videogiochi, console, computer e tutto ciò che comprende il mondo nerd.

L’edificio dagli appartamenti-capsula

Di edifici iconici ce ne sono tantissimi a Tokyo; tra questi è compresa anche la Nakagin Capsule Tower, che porta i turisti di tutto il mondo a rimanere per qualche secondo con il naso all’insù per ammirare la sua stranezza. Si tratta di un edificio con una serie di ”capsule” che fungono da appartamenti. Da fuori si possono notare le particolari finestre a forma di oblò.

Il palazzo della famiglia imperiale

Dopo una passeggiata nel quartiere frenetico Ginza è ora di immergersi in un luogo che sembra essere nell’altra parte del mondo ma, in realtà, dista poco dal quartiere più frequentato di Tokyo. Si tratta del Palazzo imperiale, ovvero la residenza dell’imperatore. Da quello che si può dedurre, le visite agli spazi interni non sono consentite. E’, infatti, possibile visitare soltanto i giardini Orientali e solo 2 volte all’anno: il giorno del compleanno dell’imperatore, quindi il 23 febbraio e durante il saluto di capodanno da parte della famiglia imperiale, ovvero il 2 gennaio.

Quartiere di Asakusa

Se vuoi fare un tuffo nel vero cuore della tradizione giapponese, il luogo perfetto è il quartiere Asakusa. Qui vi è un’atmosfera completamente diversa; si può assaporare con ogni senso la storia e la cultura giapponese, trovandosi circondati da ragazze che passeggiano indossando l’abito tradizionale, ovvero il kimono. Anche i turisti hanno questa possibilità: infatti, chi lo desidera può noleggiare un kimono da indossare per l’intera giornata. Inoltre, in questo luogo si svolge il Sanja Matsuri, una delle celebrazioni giapponesi più importanti, basata sulle tradizioni della religione shintoista. Il Festival viene celebrato ogni terzo weekend di maggio per 3 giorni, in onore dei fondatori del famoso tempio buddhista Sensoji, il più antico di Tokyo, che si trova proprio in questo quartiere e merita assolutamente una visita. L’atmosfera ad Asakusa si distacca completamente dalla realtà occidentale; una volta lì, si può respirare un’aria diversa e le credenze stesse dei giapponesi. Uomini e donne con un abito tradizionale camminano per le vie del quartiere trasportando delle miniature che rappresentano i santuari del tempio, come segno di buon auspicio. Inoltre, è possibile assistere a spettacoli da parte delle geishe, tra balli e canti; Asakusa è, ormai, uno dei pochi luoghi in cui si può ancora vivere questa esperienza.

I migliori distretti per nerd, otaku e cosplayer

Se sei amante degli anime, dei manga e dei cosplay, il posto che fa per te è il quartiere Ikebukuro. Qui c’è tutto ciò che serve ad un nerd: negozi di elettronica, gadget, fumetti giapponesi e ovviamente ogni tipo di attrezzatura e accessori per la creazione dei migliori cosplay.
A Tokyo si respira la libertà: ogni passione e stile è accettato e puoi essere chi vuoi veramente! Al quartiere Harajuku, ad esempio, puoi girare liberamente in cosplay, senza essere minimamente giudicato. A Tokyo, la cultura è completamente diversa da quella occidentale: ecco perchè è una città amata da molti.
Puoi dare vita al tuo stile personale, alla tua idea di moda. Troverai ogni look: da quello kawaii e lolita, fino ad arrivare al goth e al punk.
Infine, è da citare il distretto Shibuya, dove predomina lo stile ganguro. Si tratta di una moda emergente negli anni ’90 in Giappone, caratterizzata da elementi appariscenti. Qualche esempio sono l’abbronzatura artificiale sul viso, i capelli con tinte molto chiare per creare contrasto e i trucchi eccentrici, come del correttore bianco messo come ombretto e come rossetto. In questo distretto si possono trovare, inoltre, molti locali notturni, pub, ristoranti, hotel di lusso, ma anche negozi di musica e di abbigliamento.

Parchi a tema Disney

A Tokyo ci sono due parchi di proprietà della Disney, ovvero il Tokyo Disneyland e il Tokyo DisneySea. Quest’ultimo è uno dei parchi più amati dai giapponesi e non solo, ricco di attrazioni del mondo Disney. Ogni area del parco divertimenti è dedicata a una località del mondo e l’atmosfera tenta di riprodurre esattamente quella del Paese di riferimento. Inoltre, la sua particolarità risiede nelle decorazioni all’ingresso: vi è la rappresentazione di un vulcano attivo che sembra vero! Sicuramente sei in visita a Tokyo con dei bambini, questa è una tappa immancabile! Tokyo Disneyland, invece, è stato il primo parco Disney ad essere inaugurato in Asia e anch’esso gode di un’ottima reputazione. E’ considerato, infatti, il secondo parco divertimenti a tema più visitato al mondo.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Variante Omicron e impennata contagi Covid, stato d'emergenza a New York

Articolo successivo

Covid oggi Germania, oltre 67mila contagi e 303 morti

Articoli correlati
P