Comieco a Bookcity, agire nel presente per tracciare il futuro

La tematica ambientale e in particolare i cambiamenti climatici e la transizione ecologica sono argomenti all’ordine del giorno e trovano sempre più spazio anche all’interno del mondo letterario. Un filone in crescita che Comieco, Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, ha scelto di promuovere e supportare, riconoscendone le grandi potenzialità. Se n’è parlato ad ‘Ambiente: è il momento di voltare pagina. La letteratura ambientale al tempo della transizione ecologica’, evento tenutosi ieri nell’ambito di Bookcity Milano e organizzato da Comieco, che ha visto la partecipazione di Ermete Realacci, presidente di Fondazione Symbola, Antonio Massarutto, finalista del Premio Demetra, Carlo Montalbetti, direttore generale di Comieco, e Antonio Ricciardi, direttore Editoriale di Aboca Edizioni.  


Scopo dell’evento era quello di sensibilizzare il pubblico della manifestazione milanese sull’importanza di un sempre maggior numero di pubblicazioni sul tema per aiutare a creare e diffondere una nuova e diffusa coscienza ambientale nonché stimolare maggiore consapevolezza nelle persone attraverso la potenza delle storie e della narrativa. 

“Come il summit mondiale sul clima appena concluso ha dimostrato, l’attenzione all’ambiente è ormai una priorità che pervade ogni ambito del quotidiano. È necessario che tutti, già da adesso, scelgano di allinearsi alla transizione ecologica. Bisogna agire nel presente per tracciare il futuro e in questo processo, è fondamentale il ruolo della cultura e della letteratura, strumento essenziale per la creazione di una coscienza ambientale condivisa”, dichiara Montalbetti.  

“E la cultura e l’informazione passano per la lettura ed anche nel settore dell’editoria i temi ambientali hanno sempre maggiore spazio. Consultando il catalogo di un’importante casa editrice abbiamo riscontrato rispetto a 3 anni fa un aumento circa del 30% di pubblicazioni riconducibili alla categoria ecologia e ambiente – prosegue – La crescita dell’interesse attorno a questi temi ci ha portato ad istituire il Premio Demetra, riconoscimento volto a premiare i migliori esponenti della letteratura ambientale indipendente italiana. Un’opportunità in più per educare e far riflettere sullo stato e sull’evoluzione del nostro Pianeta”.  

Anche la carta, poi, gioca un ruolo significativo. Riciclarla, del resto, significa andare incontro ad un efficientamento energetico e ridurre emissioni di CO2. A titolo esemplificativo, si valuta che, nel 2019, a fronte di circa 4,3 milioni di tonnellate di imballaggi di carta e cartone riciclati, sono state evitate emissioni di CO2 equivalenti a circa 3,6 milioni di tonnellate. La percentuale di riciclo di carta e cartone in Italia ha raggiunto e superato con 10 anni di anticipo gli obiettivi fissati dall’Ue. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Il dinamismo e l'apertura fanno di Qianhai l'ambiente imprenditoriale perfetto per le imprese internazionali

Articolo successivo

Lavoro: Forum risorse umane, successo 13° edizione, forma ibrida potrebbe essere confermata

Articoli correlati
P