BMW: le monocilindriche dalla F650 alla G 650 GS

Nel 1993 debuttò la BMW F650, mossa dal motore monocilindrico Rotax da 48 CV di potenza. La moto bavarese rappresentava il modello ‘alter ego’ della coeva Aprilia Pegaso 650, con cui condivideva l’assemblaggio presso l’impianto italiano di Noale (VE). Nel 1996, invece, fu affiancata dalla F 650 ST dedicata al mototurismo.


Il suddetto propulsore, con la potenza incrementata a 50 CV, fu proposto poi dalla sostituta BMW F 650 GS, introdotta nel 2000 e disponibile in varie altezze della sella. Nel 2001 fu affiancata dalla F 650 CS Scarver riconoscibile per la caratterizzazione più stradale, ma la gamma della F 650 GS fu nuovamente ampliata nel 2003 con la versione speciale Dakar. Nel 2005, invece, il dispositivo ABS entrò nella dotazione di serie. Uscì di scena nel 2007, per lasciare spazio all’omonima erede bicilindrica.

Al 2010 risale il debutto della BMW G 650 GS, sempre equipaggiata con l’unità monocilindrica Rotax da 48 CV di potenza. Dopo la speciale declinazione Sertao del 2012, la G 650 GS è uscita di scena nel corso del 2016, senza essere sostituita da alcuna erede.

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Manovra, al Senato 'soluzione istituzionale' per uscire da scontro su relatore

Articolo successivo

Salute e sostenibilità i criteri di scelta quando facciamo la spesa

Articoli correlati
P