Green pass lavoro, portuali Trieste: “Con proroga a 30 ottobre pronti a discutere”

Green pass lavoro, se il governo prorogasse al 30 ottobre il via all’obbligo “ci adegueremmo” e “non avrebbe senso domani bloccare il porto”. “Sarebbe una mossa intelligente per prendere un po’ di tempo e trovare poi una soluzione”. Così Alessandro Volk, componente del direttivo del Coordinamento lavoratori portuali Trieste, alla vigilia dello sciopero in porto, spiegando che i portuali sono “determinati” ma “sempre disponibili a discutere con chiunque”. 


Intanto il prefetto di Trieste Valerio Valenti nel corso della riunione con il Comitato per la sicurezza, tenutasi oggi, alla vigilia della prima giornata di sciopero proclamato dal Coordinamento dei lavoratori portuali di Trieste (Clpt), a quanto riporta il Piccolo ha sottolineato che “chi parteciperà al blocco del porto a oltranza indetto a partire da venerdì 15 ottobre dal Coordinamento dei lavoratori portuali di Trieste compie un reato, nella fattispecie il reato di interruzione di pubblico servizio”. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati
P