Startup: turismo esperienziale smart di Yookye chiude crowdfunding con 380mila euro

Estate a pieno ritmo per i fondatori di Yookye, la giovane startup dei viaggi esperienziali smart che, grazie ai suoi ‘esperti locali’ dislocati in tutto il Paese, è in grado di elaborare le richieste del viaggiatore formulando tre proposte su misura. Ogni proposta comprende una struttura extralberghiera in cui alloggiare, servizi di trasporto ed esperienze da provare. Al turista non resta che selezionare l’offerta più invitante e prenotare. Proprio in agosto, Yookye ha concluso la sua campagna di equity crowdfunding che ha raccolto ben 380mila euro sulla piattaforma www.hensoo.it.  


“Siamo davvero orgogliosi di questo risultato. Ora potremo concentrarci sullo sviluppo del nostro sistema di intelligenza artificiale che renderà rapidissima l’elaborazione di offerte di viaggio cucite come abiti su misura per ogni viaggiatore. La nostra Ia sta imparando dalle scelte degli esperti locali per fornire risposte e proposte in pochi minuti. Grazie a questi fondi abbiamo poi la possibilità di potenziare uno dei nostri asset tecnologici più distintivi, ovvero la blockchainEthereum che usiamo per certificare la bontà delle recensioni su location, guide, tour,esperienze, servizi”, ha commentato Paolo Taricco, Ceo e co-founderdella startup di Alba (Cn). 

Con questa tecnologia, ogni commento lasciato dagli utenti viene ‘blindato’ in modo da non poter essere in alcun modo manipolato, evitando così la piaga delle false recensioni sul web. 

Mentre si concludeva la campagna di raccolta, Yookye ha continuato a lavorare non solo come Tour operator, infatti è una startup tecnologica, ma anche una vera e propria agenzia di viaggi online, Ota, accreditata. La startup ha infatti vinto il primo premio del contest Train Digital Tourism Experienceper un percorso di accelerazione promosso dal Gruppo Fs Italiane in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli, a lavorare con la Regione Marche per promuovere il territorio grazie ai suoi pacchetti di viaggi esperienziali e tanto altro.  

“È stata un’estate davvero piena: abbiamo avuto – ha raccontato Taricco – tante richieste sul nostro portale. La maggior parte aveva come meta il Sud Italia. La Sicilia, in particolare, è stata la regione più gettonata, seguita subito dalla Puglia e dalla Sardegna”. 

Yookye è una di quelle startup in grado di portare innovazione all’interno di un settore che ne ha davvero tanto bisogno come quello del turismo e questo piace non solo ai viaggiatori, ma anche agli investitori che hanno deciso di aderire alla raccolta. Fra questi, anche importanti nomi del panorama imprenditoriale italiano come Giuseppe Miroglio, presidente Gruppo Industriale Miroglio, che ha dichiarato: “Ho deciso di investire in Yookye in quanto ritengo che il progetto, e il team che lo gestisce, abbia un ottimo potenziale di crescita. Credo che l’elemento ‘esperienziale’ del turismo sia destinato a prendere sempre più piede, soprattutto per un turismo più di prossimità e di raggio più breve, che vuole esplorare e scoprire territori meno noti, vivendo momenti autentici e unici. Yookye affronta questo mercato con un approccio efficace, che combina la componente tecnologica del machine learning con quella umana degli esperti locali”. 

Total
0
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati
P