Green pass, Bombardieri: "Sul posto lavoro non serve" 3

Green pass, Bombardieri: “Sul posto lavoro non serve”

“Io sono vaccinato e sono favorevole al green pass per l’accesso agli eventi, ai concerti. Ma per tornare al posto di lavoro non serve, bastano già tutti quei protocolli di sicurezza usati finora e frutto dell’accordo tra governo e parti sociali dello scorso aprile, protocollo firmato quando i vaccini c’erano già, ricordiamolo”. A sottolinearlo è il segretario generale della Uil PierPaolo Bombardieri in un’intervista al Corriere della Sera.  

Ma qualche datore di lavoro si sta già muovendo per conto suo, lasciando a casa chi non ha la certificazione… “Sono comportamenti al limite: se non posso entrare a lavorare, allora – rimarca Bombardieri – mi paghi il tampone. Ma io penso che su questo sia il Parlamento a dover intervenire, è la politica che deve assumersi le proprie responsabilità, non scaricandola sulle parti sociali”. Sul green pass nelle mense aziendali, è “assurdo. Nelle mense aziendali i protocolli di sicurezza sono già molto rigidi, non è come un ristorante, c’è una turnazione e i lavoratori mangiano da soli”, puntualizza Bombardieri. 

Sul fronte degli infortuni sul lavoro, dopo la morte ieri dell’operaio pugliese Alessandro Rosciano. “In 8 mesi, siamo quasi a 600 morti. Ma queste non sono morti bianche, sono – denuncia il numero uno della Uil – morti rosse, c’è una responsabilità precisa. Nel 2020 ci sono state 10mila ispezioni con 8mila sanzioni: le aziende sono 4 milioni. Noi abbiamo lanciato la campagna”Zero morti sul lavoro”: chiediamo più ispettori e più controlli e regole per punire chi non rispetta la sicurezza dei lavoratori. Anche qui serve che la politica si assuma le sue responsabilità”. 

Post navigation

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

P