25.6 C
Comune di Monopoli
martedì 27 Luglio 2021

Covid, cambia business online, volano app per salute mentale ma giù turismo

Da leggere

La pandemia ha cambiato verso ai business digitali. Tanto che nell’era Covid-19 hanno iniziato a volare online le app del settore ‘salute mentale’ mentre i consumatori digitali hanno iniziato a girare le spalle al settore del turismo che è letteralmente crollato. Stando all’ultima indagine realizzata da Trustpilot – che l’Adnkronos è in grado di anticipare – il settore “Sanità mentale & Benessere” registra una crescita a 3 cifre mentre il comparto “Viaggi & Turismo” si dimostra quello maggiormente penalizzato, con 900 milioni di turisti in meno nel 2020 nelle destinazioni di viaggio più popolari stando ai dati dell’Unwto.  


Ha rilevare un vero boom è stata Ginger, app per recuperare la salute mentale che ha registrato il picco nei suoi tassi di utilizzo nel settembre 2020 con un incremento di uso del 159% rispetto alle medie pre-Covid, e le richieste di terapia virtuale sono cresciute del 309%. Gli analisti di Trustpilot

rilevano che allo stesso modo, anche l’app ‘Doctor On Demand’ ha visto aumenti massicci di nuovi pazienti che necessitavano di tele-terapia, oltre il 50% per tutto il mese di ottobre, con dati superiori a quelli registrati ad inizio pandemia nel marzo 2020.  

Dunque anche le recensioni offrono uno spaccato interessante negli anni della pandemia e Trustpilot ha analizzato le proprie recensioni per identificare quanto spesso venissero menzionate parole come salute mentale, benessere o wellness e, tra Agosto e Novembre 2020 ben 2.780 volte, menzioni cresciute a 4.787 tra Novembre 2020 e Febbraio 2021. Un dato, rimarcano dal sito danese, che si fa ancora più esplicito nel confronto anno su anno: le stesse parole tra febbraio 2019 e febbraio 2020 erano state menzionate 3219 volte, mentre tra febbraio 2020 e febbraio 2021 il valore è più che triplicato (10.811 volte). 

“L’industria della salute e del benessere così come il settore dei viaggi sono stati entrambi fortemente colpiti dal Covid, ognuno a suo modo, ma i dati raccolti da Trustpilot suggeriscono che il settore Salute & Benessere continuerà a crescere rapidamente nei prossimi mesi e che c’è speranza anche per il futuro del turismo” commenta Claudio Ciccarelli, Country Manager di Trustpilot in Italia.
In particolare, riguardo l’industria dei viaggi e del turismo, l’Organizzazione Mondiale del Turismo (Unwto) ha rilevato che le destinazioni di viaggio più popolari hanno accolto 900 milioni di turisti internazionali in meno tra gennaio e ottobre 2020, rispetto allo stesso periodo del 2019. Nello stesso periodo di tempo, anche gli arrivi internazionali sono calati di oltre il 74%. Nel marzo del 2021, la piattaforma danese di recensioni ha esaminato l’attività globale dei consumatori per comprendere quanto il settore del turismo sia stato colpito.  

E, purtroppo, non è stata una sorpresa scoprire che il numero medio di recensioni di viaggio, relative ad un servizio acquistato e raccolte durante la pandemia, è stato inferiore del 39,7% rispetto all’anno precedente. Allo stesso modo, il numero medio di recensioni relative a prodotti di viaggio lasciate durante la pandemia è stato inferiore dell’81,8% rispetto al 2019.  

Nella seconda estate Covid, però, Ciccarelli segnala che “stiamo assistendo ad un aumento della domanda nei confronti delle agenzie di viaggio – precedentemente in declino – a causa della confusione relativa alle regole e alle misure restrittive diverse di Paese in Paese”. “Risulta, quindi, essenziale farsi trovare preparati e ricordare che, per puntare alla ripresa, bisogna assecondare i trend e le richieste dei consumatori, essendo pronti a rinnovarsi con loro” avverte infine il manager di Trustpilot Italia.  

(di Andreana d’Aquino) 

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultimi articoli